Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
29 giorni fa
By motorsport.com

Rossi:“Morbidelli e Bagnaia mi renderanno la vita difficile”

Si avvicina il compleanno del Dottore che applaude i suoi due alunni, già brillanti nei primi test del 2019. A motorsport.com

Valentino Rossi ha iniziato con il piede giusto il 2019. Un anno che per il nove volte campione del team Monster Energy Yamaha MotoGP potrebbe essere quello del decimo titolo grazie ad una M1 tornata veloce ma che necessita di qualche cosa in più per essere il riferimento. Ma questa stagione sarà indimenticabile per altri motivi, come ad esempio il quarantesimo compleanno della leggenda sportiva italiana questo sabato, il 16 febbraio.

Pecco fenomenale, che cosa ne pensa il maestro?

Reduce da buone prove a Kuala Lumpur, le prime che aprono l’anno solare, il Dottore si è trovato a dividere la pista con due dei suoi allievi di VR46 Academy, promesse italiane arrivate nella massima serie del motociclismo mondiale dopo successi e titoli iridati. Parliamo di Francesco Bagnaia (Alam Pramac Racing) e Franco Morbidelli (Petronas Yamaha MotoGP), il primo ducatista e sorpresa delle prove malesi con il secondo miglior passaggio della tre giorni e il secondo, ancora di più sulle orme di Valentino, impegnato a perfezionare le sensazioni su una M1 con la quale è stato colpo di fulmine nel test di Valencia (fine 2018).

Proprio dei due talenti della propria scuola, Rossi ha parlato a motorsport.com. “Credo che mi renderanno la vita difficile”, afferma il numero 46 indicando i due avversari allevati sportivamente a consigli, insegnamenti e gare al Ranch. “Pecco è stato veramente impressionante come giro secco e spero lo sia un po’ meno come ritmo (sorride, ndr). Anche Franco ci ha fatto vedere grandi cose e il suo rendimento sarà simile”, Rossi continua. “Lo riconosco, sarà molto complicato metterli dietro”.

Bagnaia: “Oggi ho guidato come un pilota da MotoGP™”

Pecco e Morbido, due ‘prodotti realizzati’ della VR46 Academy che conta anche altri piloti in via di sviluppo verso l’essere campioni un domani. “Quando abbiamo iniziato con questo progetto non pensavamo di arrivare così tanto lontano e non credevo che i nostri ragazzi, un giorno, mi avrebbero sfidato apertamente in pista”, termina Valentino.

Questa è la settimana del Dottore, non perdere tutti i contenuti di motogp.com, speciali e gratuiti, che celebrano i quaranta anni della leggenda di Tavullia. Abbonati al VideoPass, resta collegato alla tua passione!

Consigliati