Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
2016-09-26
By Red Bull KTM Ajo

Per Binder è titolo iridato in Moto3™

Il pilota sudafricano arriva secondo ad Aragon ma la gioia più grande è la vittoria del campionato.

Binder diventa campione del mondo Moto3™

Brad Binder è stato incoronato Campione del Mondo Moto3™ al Gran Premio d’ Aragona. Il pilota sudafricano è battuto in pista da Jorge Navarro, portacolori Estrella Galicia 0,0, ma con i 20 punti iridati del secondo posto è matematicamente il nuovo re della classe. Porta il Sudafrica in vetta al motociclismo mondiale dopo trentacinque anni era il 1980 e Jonathan Ekerold vinse in 350cc ma è il primo pilota di quella nazione a vincere nella categoria leggera. Quella di Binder è stata di una gara perfetta; ha atteso nel gruppo di testa lottando e tenendo le posizioni dopo la partenza dalla quinta posizioni in griglia. Nelle battute finali la sfida per la vittoria si è accesa e nelle ultime curve il numero 41 ha avuto la meglio su Enea Bastianini (Gresini Racing), avversario in campionato. Dopo la bandiera a scacchi la festa nel box KTM è stata grande. Tutto il team e i famigliari del vincitore hanno acclamato l’assoluto protagonista della stagione in Moto3™. Mancano quattro gare alla fine e adesso restano solo da assegnare le rimanenti due posizioni iridate.

La famiglia del nuovo campione festeggia il successo

Aki Ajo, team manager della scuderia: “Il miglioramento fatto da Binder in questi due anni è stato incredibile. Non in molti credevano che potesse raggiungere questo successo e lui gli ha smentiti. Gli dobbiamo molto per questo suo grande lavoro e ringrazio anche i suoi genitori per aver cresciuto un figlio con un attitudine così positiva. Un grazie anche ai nostri sponsor per aver contribuito a questa vittoria che è corale. Non ci sono molte scuderie come la nostra, con un fantastico spirito di squadra nel box. Brad è stato semplicemente fantastico, ha mantenuto la calma evitando di commettere errori”.

Brad Binder: “Ancora non riesco a crederci, quando ho tagliato i tagliato il traguardo ho alzato la testa, ho guardato la mia squadra sul muretto dei box e ho capito. Forse solo tra un po' riuscirò a capire quello che ho fatto oggi. Sono molto felice, soprattutto per i miei genitori che per me hanno fatto tanti sacrifici e anche per la mia scuderia che ha lavorato molto. Ho cercato di concentrarmi sulla gara come un qualunque altro GP, ora nelle prossime quattro gare continuerò a dare il meglio”.