Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
4 giorni fa
By Yamaha VR46 Master Camp

È pista per lo Yamaha Master Camp

I ragazzi alla scuola di Valentino Rossi ‘studiano’ tra le curve di Misano

Il giovedì della terza edizione dello Yamaha VR46 Master Cap ha visto i sei alunni provare al World Circuit Marco Simoncelli di Misano. Peerapong Boonlert, Anggi Setiawan, Shota Ite, Muhammad Akid bin Aziz, Brandon Demmery e Tomas Casas hanno potuto apprendere delle lezioni di pista dai piloti VR46 Academy che corrono in MotoGP™.

Andrea Migno, Luca Marini e Francesco Bagnaia si sono calati nei panni di maestri e, ad un lavoro mattutino con una classe di Pilates e poi al simulatore, sono seguite le prove sulla pista romagnola con ‘Pecco’ come mentore della miglior staccata e uscita di curva.

Alla giornata ha partecipato anche ‘Uccio’, Alessio Salucci; il direttore della VR46 Academy commenta: “Voglio dire che sono molto soddisfatto per questa nuova edizioni di Master Camp, è sempre bello che nuove promesse del motociclismo apprendano e imparino dai nostri talenti della VR46. Lo sterrato di ieri e la pista di oggi ci hanno mostrato solo in parte le capacità di questi ragazzi che però. Un paio di loro mi hanno stupito e credo sia possibile vedere ancora il loro grande potenziale nei prossimi giorni”.

Gli allievi, dopo l’esperienza su due ruote con le MiniGP, hanno anche girato con i go-kart.

Peerapong Boonlert: “Una grande giornata, mi è piaciuto molto il simulatore e ho vissuto una bella esperienza sulla pista; sono arrivato terzo e questo mi stimola a fare meglio domani”.

Anggi Setiawan: “Ieri era tutto nuovo per me, sento che quanto appreso è molto importante per il mio futuro. Mi è piaciuta molto la classe di Pilates, credo che sia importante nella preparazione di un pilota”.

Shota Ite: “Credo che il Pilates sia necessario e molto interessante, vorrei continuare a praticarlo anche a casa. Ho avuto qualche difficoltà con il simulatore. In pista invece ho capito che si deve studiare meglio l’avversario davanti per provare a superarlo”.

Muhammad Akid bin Aziz: “Come i miei compagni sono stato molto entusiasta del programma della giornata. Ho apprezzato il Pilates e naturalmente anche il simulatore di gara, ma per me la parte migliore della giornata è stata la MiniGP. Mi è piaciuta molto!”.

Brandon Demmery: “Ieri è stato molto interessante. Siamo andati in palestra per provare il simulatore di gara e Pilates, qualcosa che non avevo mai fatto prima. Il MiniGP è stato un po’ difficile, perché sono un po' troppo grande per quelle moto, i go-kart sono stati meglio. Ho vinto la gara e sono molto contento!”.

Tomas Casas: “Un giorno davvero divertente. Abbiamo iniziato in palestra provando il simulatore di gara. È una buona formazione e ti aiuta a conoscere le piste. Poi abbiamo fatto del Pilates, è un bel modo per terminare la seduta del mattino. La MiniGP è stata una grande esperienza, non ero mai stato su una moto così. Molto divertente e ho imparato tante cose”.

Venerdì 12 maggio il terzo giorno di Camp.

 

Consigliati