Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
3 giorni fa
By motogp.com

In Yamaha tornano i dubbi

Zarco brilla nei secondi test dell'anno là dove fanno fatica i piloti ufficiali Yamaha. Si punta il dito sull'elettronica

Ci sono circa 0,4s tra Johann Zarco e Maverick Viñales nella classifica generale delle prove a Buriram. Quasi mezzo secondo tra il secondo e l’ottavo in classifica unito ai circa 0,6s tra il transalpino della scuderia Movistar Yamaha Tech3 e Valentino Rossi, in Thailandia solo dodicesimo. Un divario tra M1 che va a netto favore della nera del team francese e fa tornare i dubbi, quasi fantasmi del difficile 2017, alla squadra ufficiale di Iwata.

Support for this video player will be discontinued soon.

Il grande lavoro del team Movistar Yamaha

Quello che più ha impressionato è stata la facilità di arrivare ad un passo da primato di Zarco che, anche con mescole più dure, ha sempre mantenuto un ritmo in linea con i più veloci. “Sono stato molto soddisfatto sin dal primo giorno”, ha commentato il miglior rookie del 2017. “Credo che la mia moto sia molto meglio di quella della scorsa stagione; ha un grande potenziale. Ho guidato con facilità, facendo dei buoni crono con gomme usate e spingendo bene per i migliori i tempi. Sono contento”.

Support for this video player will be discontinued soon.

Zarco: "Sono contento di aver marcato l'1:29s"

Di contro, le difficoltà degli uomini Movistar. Non solo di arrivare nelle prime posizioni ma che, una volta lì, non hanno saputo mantenersi nelle parti nobili della classifica. Ancora peggio, forse, è la apparente mancanza di spiegazioni e la difficoltà di adattamento da una giornata di prove all’altra. Esemplificativo è il commento di Viñales che con un cambio all’elettronica e il ritorno alle impostazioni di Sepang ha chiuso il sabato come quarto mentre domenica, con la stessa configurazione, non è riuscito a migliorarsi.

Discorso analogo per Rossi. Il Dottore, seppur impegnato in un grande lavoro in diverse aree della moto, mai è sembrato a suo agio sul nuovo prototipo e mai in grado di seguire le veloci Honda e le più lente Ducati. Sensazioni non ottimali, che lo hanno portato anche all’errore nel suo il giro ‘buono’.

Support for this video player will be discontinued soon.

Yamaha risolverà i problemi dell'anno scorso?

“Penso che siamo migliorati oggi”, ha detto il nove volte iridato. “Ero sull’1:30.5s ma ho fatto una sbavatura e non sono riuscito ad abbassare sul 30.2s. Eravamo tutti vicini. Tanti piloto sono stati veloci in Malesia e qui hanno fatto fatica. Non abbiamo fatto molti progressi rispetto all’anno scorso, specialmente dal punto di vista dell’elettronica”.

Support for this video player will be discontinued soon.

I problemi di Yamaha nel 2017

Rossi, pur dichiarandosi pronto a fare di tutto per tornare tra i migliori già da Losail, descrive una situazione non facile proprio a partire da quello che ora è il tallone d’Achille Yamaha. Lo conferma Viñales, “Sono stati test difficili. Abbiamo lavorato e provato molte configurazioni e, nonostante abbiamo fatto dei miglioramenti, i problemi restano”, Il catalano descrive una lotta contro il tempo: “Le gare stanno arrivando e restano solo le prove in Qatar. Dobbiamo lavorare e dare il 100%”.

La parola a Massimo Meregalli, direttore del team: “Non ci siamo concentrati sul time attack ma abbiamo messo a referto giri con gomme usate e provando tanti particolari. È stata una tre giorni utile per fissare le idee sul motore e sul telaio, il pacchetto è stato confermato. Ora dobbiamo lavorare sull’elettronica perché è una parte ancora da migliorare. Il test a Losail sarà utile per trovare soluzioni in quest’area”.

 

Consigliati