Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
1 giorno fa
By motogp.com

Grosse novità nei test catalani e domina il solito Marquez

Giornata post GP a Barcellona, Michelin e i team lavorano già per il 2019. Iannone secondo

Il GP di Catalogna si è chiuso da poche ore e sulla pista di Barcellona si sono svolti i test ufficiali. Al lunedì di prove hanno partecipato le principali scuderie della MotoGP™ con qualche assente illustre come ad esempio i piloti del Ducati Team protagonisti in positivo e in negativo della settima prova della stagione. Jorge Lorenzo è stato il dominatore in Catalogna mentre il Andrea Dovizioso ha chiuso il suo GP con un ritiro a seguito di una caduta.

Support for this video player will be discontinued soon.

Tutto quello portato in pista nei test a Barcellona

Nella giornata post gara è stato provato un nuovo pneumatico anteriore, la mescola sarà introdotta dalla prossima stagione e i corridori hanno avuto modo di lavorarci già da questi test ufficiali.

Altre importanti novità hanno interessato i team singoli, come ad esempio il ‘nuovo’ serbatoio montato sulla M1 di Valentino Rossi. Lo scopo è ottenere una nuova ergonomia in sella che dia maggior sensibilità. Una soluzioni alla ‘Lorenzo’ ma che parte da esigenze diverse. Con il collega di box Maverick Viñales, il Dottore ha lavorato sull’elettronica e altri dettagli cercando di colmare io gap con le moto avversarie.

In pista anche le Honda del team Repsol che, con Marc Marquez e Dani Pedrosa hanno anche provato una nuova carenatura. Per il numero 26 una caduta di lieve entità nel corso del pomeriggio quando nella mattina era stato vittima di un fuoripista anche Marquez. Per il numero 93 anche il primato della giornata: 1:38.916s.

Al lavoro anche Cal Crutchlow (LCR Honda Castrol) e Takaaki Nakagami (LCR Honda Idemitsu) sulla geometria, l’elettronica e le sospensioni. Il nipponico, con Marquez, è quello che ha messo a referto 88 giri.

Danilo Petrucci (Alma Pramac Racing) ha provato alcuni aggiornamenti sul telaio della sua DesmosediciGP (un nuovo rinforzo in alluminio nella parte finale) mentre Jack Miller ha lavorato sulla frenata. Il team più che satellite Ducati ha visto che Lorenzo è stato molto efficace in questo GP con gli ingressi in curva e prendendo il maiorchino come esempio hanno svolto un piano in questa direzione. I due pilota Pramac si sono concentrati anche sul comportamento della moto e sullo stile di guida provando a stressare meno le gomme. Per Petrucci il questo crono dietro a Tito Rabat (Reale Avintia Racing) e una botta alla gamba dopo una scivolata alla curva 9.

Non è stato il miglior GP per i piloti del team Suzuki Ecstar. Alex Rins è uscito dalla corsa troppo presto mentre Andrea Iannone, dopo la bellissima partenza e la lotta nelle primissime fasi di gara, ha perso posizioni. Per The Maniac però il secondo a livello di crono in questi test e molto lavoro ai box. In pista, come nel GP, anche il collaudatore Sylvain Guintoli. Il team Suzuki ha lavorato con il telaio modificato (con la copertura in carbonio) già portato in pista da Rins al Mugello.

Box Aprilia Racing Team Gresini. Poche novità per Aleix Espargaro e Scott Redding che hanno lavorato sui dettagli dei prototipi portati in gara. Si attende la prova ufficiale del forcellone in carbonio.

Il team Red Bull KTM Factory Racing è reduce da una gara non facile. I piloti hanno lavorato in vista della seconda parte di stagione e con la moto del 2019.

Support for this video player will be discontinued soon.

Test post GP a Barcellona, i commenti

La tabella tempi del test è consultabile qui.

Consigliati