Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
2019-10-07
By motogp.com

Morbidelli si avvicina al podio

In lotta per la quarta posizione per gran parte della gara a Buriram chiude sesto ma il pilota romano è in costante crescita

La prima tappa asiatica è positiva per Franco Morbidelli (Petronas Yamaha SRT) che ora, dopo una settimana di pausa, arriverà in Giappone concentrato per continuare a registrare le progressiva crescita di questa sua seconda stagione in classe regina.

I fine settimana del PTT Thailand Grand Prix è stato complicato dalla pioggia del sabato ma il campione del mondo in Moto2™ nel 2017 è stato sempre tra gli otto piloti più veloci in tutte le sessioni di libere.

Rivivi la MotoGP™ in Thailandia

Passato direttamente in Q2, Morbidelli piazza la terza Yamaha sullo schieramento aprendo la seconda fila, una volta iniziata la gara riesce a difendere la posizione ottenuta in qualifica: “Sono partito bene e sono riuscito a lottare per il quarto posto per tre quarti della corsa - dice il romano al termine della domenica spiegando che cosa gli ha impedito di battersi per classificarsi ai piedi del podio - Ho iniziato ad avere un po’ di difficoltà in frenata”.

I complimenti dei rivali

Nel complesso, quello thailandese è stato un appuntamento proficuo, come precisa lo stesso Franco: “Sono abbastanza soddisfatto della gara perché è stata un’altra giornata positiva. Stiamo andando bene da Silverstone e cercherò di continuare così anche in Giappone”.

Morbidelli sta maturando e fin dall’inizio della stagione colleziona risultati incoraggianti, ma dal Gran Premio della Gran Bretagna, il romano è particolarmente consistente tanto in prova come in gara. Nelle ultime quattro gare è arrivato quinto a Silverstone e a Misano, ad Aragon è finito a terra a causa di un contatto avuto ad inizio gara con Alex Rins (Team SUZUKI ECSTAR), arrivato in Thailandia è sesto al traguardo, dopo una lunga lotta per difendere il quarto posto è rassicurante e dona fiducia in vista degli ultimi appuntamenti della stagione.

La prima dichiarazione dopo una lotta feroce

“Come sempre, c’è margine di miglioramento soprattutto se guardiamo a quello che riescono a fare gli altri due piloti Yamaha più forti di noi - precisa Morbido che non abbassa la guardia ma resta concentrato ad osservare il lavoro dei compagni per crescere ancora - Quindi sappiamo cosa dobbiamo fare”.

Il prossimo appuntamento è a Motegi, in Giappone, una pista dove Morbidelli è salito sul podio solo nel 2016 quando correva in Moto2™, è sempre andato a punti e lo scorso anno, nella sua stagione da rookie in classe regina, è arrivato 11° ed è il suo peggior risultato ottenuto sulla pista giapponese, tutt’altro che negativo per un esordiente. Ora Franco si presenta con un anno in più d’esperienza e c’è da aspettarsi un risultato ancora migliore.

Prossimo appuntamento il Motul Grand Prix of Japan, al via dal 18 al 20 ottobre. Vivilo LIVE e OnDemand con il VideoPass!