Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
17 giorni fa
By motogp.com

I piloti della Moto2™ hanno Jerez nel mirino

Mancano 30 giorni al prossimo Gran Premio e i protagonisti italiani della categoria intermedia ci raccontano come si stanno preparando

Dopo aver affrontato il QNB Grand Prix of Qatar lo scorso marzo, si avvicina il momento di disputare il secondo Gran Premio dell’anno per i piloti della Moto2 e della Moto3. Nel 2020 ci saranno nove italiani impegnati nello schieramento della catagoria di mezzo, tutti loro vantano almeno una parteza dalla prima fila o un podio in carriera. Gli abbiamo chiesto condividere con noi di motogp.com che cosa pensano del calendario, di parlarci delle loro aspettative per la stagione e degli obiettivi che si fissano per quest’anno.

Lorenzo Baldassarri (Flexbox HP 40), secondo classificato al Losail International Circuit, dice di essere impaziente di tornare in pista e il prossimo appuntamento sarà a Jerez de la Frontera, un circuito dove ha vinto la sua seconda gara in Moto2 nel 2018 e dove ha emulato il primo posto l’anno successivo. “Sarà un campionato diverso, particolare e avremo delle gare doppie, un aspetto interessante – spiega Lorenzo - Sono sicuro che vedremo delle bagarre molto accese, soprattutto nella seconda gara che si correrà nella stessa pista”. L’obiettivo per questa stagione è chiaro per il marchigiano: “Voglio riuscire a migliorare le mancaze dell’anno scorso riuscendo a stare costantemente in lotta per il podio ed essere sempre nelle posizioni che contano per tutta la stagione”.

Quello in Qatar è stato un inizio di stagione speciale anche per Enea Bastianini (Italtrans Racing Team), terzo al traguardo, e con la consapevolezza di essere uno dei favoriti al titolo. Sorpreso e incuriosito all’idea di disputare due gare consecutive sulla stessa pista, Enea è pronto a dare il massimo ad ogni appuntamento e i suoi assi nella manica potrebbero essere le piste di Brno, il Red Bull Ring e Barcellona. Ad un mese esatto dalla prima gara, l’allenamento è intenso: “Andrò molto in moto, sia in pista che fuoristrada, farò molto motocross, ultimamente mi appassiona e diverte molto. Ma non mancheranno bici da corsa e sessioni in palestra”. Enea scenderà in pista con le idee chiare: “L’obiettivo è provare a lottare per il titolo rimanendo nei primi cinque al traguardo in tutte le gare, anche in quelle che si disputano in piste a me meno favorevoli”.

La caduta in gara a Losail ha compromesso un fine settimana da grande protagonista per Luca Marini (SKY Racing Team VR46). Dopo il finale di stagione eccezionale del 2019, le aspettative sul pesarese crescono progressivamente: “Sarà particolare gareggiare a porte chiuse, senza il supporto degli appassionati sugli spalti, una delle cose più belle. Non ho mai smesso di lavorare con i tecnici, ma adesso non vedo l’ora di rivederli e di risalire finalmente in sella alla moto”. Il calendario prevede quattro appuntamenti in Spagna su piste che Maro conosce bene: “Questo potrà essere un buon punto da cui partire, poi c’è Misano, che ben conosco, oltre che Brno e Austria dove sono stato competitivo in passato. È vero peccato non correre al Mugello”.

Marco Bezzecchi veste per la prima volta i colori dello SKY Racing Team VR46, un’unione che vuole celebrare con i risultati in pista. Già durante i test invernali, Bez ha dimostrato un ottimo passo e grande competitività. Non resta che aspettare che le competizioni riprendano: “Ho cercato di non annoiarmi durante la quarantena: ho fatto lavoretti che rimandavo da un sacco di tempo, ripreso in mano lo skate, giocato alla play però la moto mi è mancata e anche le gare, la mia squadra, la nostra routine un po’ frenetica”. Non appena le disposizioni governative l’hanno permesso, Marco  è tornato in pista con i ragazzi dell’Academy: “I ritmi saranno molto serrati ma la voglia di tornare al lavoro è incredibile”.

Anche per Nicolò Bulega il 2020 segna un nuovo inizio, quello col Federal Oil Gresini Moto2. “Quando ho visto il calendario mi sono emozionato come quando da bambino ho visto le tappe del calendario del campionato di minimoto a cui partecipavo per la prima volta. È stato bellissimo!” Nonostante i suoi 20 anni, Nicolò vanta quattro stagioni complete nel mondiale ed è determinato a lasciare il segno: “Spero di essere competitivo in tutti i Gran Premi ma so di poter fare la differenz a Jerez, Brno e Misano”.

Lorenzo Dalla Porta si presenta da campione del mondo in carica della Moto3, nel corso di questa stagione avrà tanto da imparare ma: “Sono riusciti a fare un calendario con parecchie gare, il che è molto positivo per un pilota come me che deve fare esperienza – spiega il toscano - Sono molto contento che si possa correre perché mi mancano troppo le gare!” L’allenamento per il toscano da prima a dopo la quarantena ha preso un’altra forma, sempre più racing: “Cercherò di stare il più possibile sulle moto da cross, 1000 e supermotard, perché ho notato che mi aiutano molto a rafforzare gli avambracci”. In questo 2020 sarà importante macinare chilometri e fare esperienza come spiega lo stesso Lorenzo: “Voglio cercare di migliorare gara dopo gara; abbiamo tempi diversi rispetto al calendario originale ma sto facendo il massimo per adattarmi al meglio ed essere piu competitivo possibile. La squadra crede in me e io in loro, questa è una cosa importantissima e sono convinto che presto faremo belle cose insieme!”

Interviste esclusive, gare storiche e tanti altri contenuti fantastici: tutto questo col VideoPass!

Consigliati