Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
27 giorni fa
By motogp.com

Stiria vs Austria: i due venerdì a confronto

Da motogp.com vi offriamo un’analisi sul passo registrato dai protagonisti della massima categoria al termine della prima giornata di libere

Una delle cose più interessanti da fare quando ci sono due Gran Premi consecutivi sulla stessa pista è il confronto dei tempi, dei piazzamenti e delle sensazioni che hanno i piloti a distanza di pochi giorni da un GP all’altro.  

Concluse le prime due sessioni di libere del BMW M Grand Prix of Styria, abbiamo già abbastanza dati per procedere con un’analisi per individuare chi sono i piloti più avvantaggiati, quelli che hanno ancora margine di miglioramento e quelli che invece sono subito partiti alla grande. 

Pol firma il primo assalto al GP di Stiria

Ci sono pochi dubbi sul passo di Pol Espargaro (Red Bull KTM Factory Racing) leader della FP2 e della combinata con un crono da 1’23”638, solo due decimi più lento rispetto al tempo della pole position del GP d’Austria. Lo spagnolo può essere comunque soddisfatto del suo lavoro visto che, in due turni, ha già limato via circa mezzo secondo rispetto a sette giorni fa. 

Anche il suo compagno di squadra Brad Binder è migliorato nel corso del GP di Stiria piazzandosi al 10° posto rispetto al 16° dello scorso fine settimana. Il vincitore del GP della Repubblica Ceca è a sei decimi dal catalano leader del venerdì. 

GRATIS: Gli ultimi cinque minuti della FP2 al Red Bull Ring

Anche Miguel Oliveira (Red Bull KTM Tech 3) è stato al centro dell’attenzione nel GP d’Austria e in questo appuntamento non si tirerà indietro. Quarto nella combinata, il portoghese ha fatto un passo avanti sostanziale che lui stesso ha definito il venerdì del GP di Stiria come: “Una giornata molto positiva”. Vale lo stesso per il suo compagno di box Iker Lecuona 11° a confermare l’ottima forma della KTM

Il secondo più veloce in pista è Jack Miller (Pramac Racing) che sembra molto fiducioso al termine del venerdì. L’australiano ha lavorato con la gomma Michelin posteriore media sentendosi a suo agio nonostante una modifica di set up introdotta per la FP2 che, poi, non si è dimostrata così vantaggiosa come pensava. Sul podio al GP d’AustriaMiller si piazza a due decimi dalla vetta, decisamente meglio rispetto all’ottava piazza di sette giorni fa. 

Fresco dal suo primo podio nella massima categoria, Joan Mir (Suzuki Ecstar) è di nuovo incisivo al Red Bull Ring. Lo spagnolo è tre decimi più veloce rispetto allo scorso fine settimana; sia lui che il suo compagno di squadra Alex Rins sono pronti a contendersi i posti che più contano in gara.  

Anche Takaaki Nakagami (LCR Honda Idemitsu) è un altro pilota impegnato ad imporsi e visto il ritmo di questo venerdì non perderà occasioni per attaccare, così come ha sottolineato anche lo stesso Andrea Dovizioso (Ducati Team), vincitore dell’ultimo GP. Nakagami è quarto nella combinata ma nella FP2 si è preso il secondo miglior tempo dimostrando di essere il pilota di punta di Honda anche in questo appuntamento. 

Red Bull Ring: le novità per il nuovo GP

Non è stata una giornata semplice per l’attuale leader del campionato Fabio Quartararo (Petronas Yamaha SRT) che ha spiegato: “Non riusciamo ad essere veloci. Consumiamo troppo le gomme, ho le stesse sensazione che avevo a Brno”. Il francese termina al 14° posto nella combinata, mentre lo scorso fine settimana era 10°. El Diablo sembra non possa raggiungere il ritmo di Dovizioso che, se dovesse piazzare di nuovo le sue ruote davanti a quelle del francese, potrebbe prendere il comando della classifica generale.

La FP3 sarà vitale per il 21enne e vincitore di entrambi gli appuntamenti a Jerez. E lo stesso vale per Valentino Rossi (Monster Energy Yamaha MotoGP) che dovrà trovare il modo per passare direttamente in Q2. Il Dottore termina il venerdì al 13° posto ma sia lui che Quartararo non hanno un tempo incisivo se si osserva la loro velocità massima. Come aggiusteranno questa situazione? 

La profezia di Dovi: i cinque favoriti al GP di Stiria

Nel complesso, i tempi si sono abbassati rispetto a sette giorni fa. Il crono di Pol Espargaro nel venerdì del GP di Stiria è di 1’23”638 a differenza del 1’24”193 con cui dominava la combinata sette giorni prima, un riferimento che oggi vede Franco Morbidelli (Petronas Yamaha SRT) in nona posizione. La giornata di qualifiche si avvicina e sabato sera avremo un’idea ancora più dettagliata di quello che potremo vedere in gara. Chi sarà il vincitore della gara numero 900 del campionato del mondo? 

Per scoprirlo segui la FP3 a partire dalle 09:55 (GMT+2), la giornata di sabato proseguirà con le qualifiche e solo domenica a partire dalle 14:00 assisteremo alla sessione più attesa del fine settimana. 

Segui tutte le sessioni, guarda le interviste esclusive, le gare storiche e tanti altri fantastici contenuti: tutto col VideoPass! 

Consigliati