Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
9 giorni fa
By motogp.com

Superare i limiti della pista: come si applica la regola

Mike Webb, Race Director del MotoGP™, spiega come e quando si applicano le sanzioni ai piloti che mettono le ruote sul verde

Mike Webb, Race Director del MotoGP™, ha tenuto una conferenza stampa nel sabato del Gran Premio Lenovo di San Marino e della Riviera di Rimini per fornire delle delucidazioni su come vengono applicate le sanzioni per i piloti che oltrepassano i limiti della pista nelle diverse sessioni. La decisione è per far chiarezza dopo gli ultimi episodi di cronaca che, ad esempio, hanno visto coinvolto il pilota della Moto2™, Jorge Martin (Red Bull KTM Ajo), retrocesso dal primo al secondo posto nel GP di Stiria per aver messo le ruote sulla zona verde all’ultimo giro della gara. 

I limiti della pista spiegati in una conferenza stampa

Webb ha ricordato che ci sono varie sanzioni per questa violazione ma, sottolinea, che non tutte le violazioni sono degne di una sanzione. “A seconda delle piste, abbiamo adattato le regole man mano che vediamo delle situazioni. Un anno fa, in questa stessa occasione, abbiamo modificato le regole per assicurarci che non ci fosse un vantaggio ingiusto. Dove c’era l’erba, per motivi di sicurezza, è stata sostituita dall’asfalto e verniciata di verde ma ovviamente i piloti possono usarla per ottenere un vantaggio e quindi dobbiamo tenerla d’occhio”. 

“La regola prevede che, se una qualsiasi parte dello pneumatico tocca il cordolo allora si considera che sia all’interno. Come nel tennis, anche noi possiamo applicare queste regole con precisione – sottolinea Webb - Pertanto, se entrambi gli pneumatici sono fuori dalla superficie della pista e quindi sulla zona verde, verrà applicata una sanzione”. 

Prove libere, qualifiche e warm-up 

Quali sono le sanzioni per un’infrazione che precede la gara? In ogni sessione di prove, comprese le qualifiche e il warm-up, nel caso in cui venga superato il limite della pista, il tempo sul giro sarà annullato. Ufficialmente, per il cronometraggio, verrà annullato il tempo stabilito nel settore ma di conseguenza anche la tornata. 

Il gran finale della Moto2™ al Red Bull Ring

Gara

Se un pilota ottiene un vantaggio superando i limiti della pista viene attribuita automatica una penalità. “Durante una gara permettiamo a un pilota di commettere un errore, ma troppi diventano una penalità. Se c’è un vantaggio come l’ottenimento di una posizione o il tempo, il pilota viene penalizzato immediatamente. Se invece non c’è alcun vantaggio, allora non è sanzionato e non viene nemmeno preso in considerazione il numero di infrazioni che un pilota può commettere durante la gara” spiega Webb

Quando un pilota esce di pista ma è impossibile determinare se abbia o meno tratto vantaggio, viene conteggiato come un’infrazione. Se commette tre errori, riceve un avvertimento. Se ci sono cinque errori, allora c’è una penalità, di solito una con un long lap penalty. “Lasciamo che la zona verde rispetti i motivi per cui è stata inventata, per evitare un incidente, ma non può essere sistematico. Conta solo se non possiamo dire se c’è stato o meno un vantaggio” continua Race Director del MotoGP™

I limiti della pista, in 3D

Primo giro 

Al primo giro ci sono molti piloti aggruppati ed è facile uscire di pista. Tuttavia, se qualcuno ottenesse un vantaggio, riceverebbe una penalità. “Se durante il primo giro non c’è un chiaro vantaggio, non conta, ma questo vale solo per il primo giro. Ma se ottenesse un vantaggio tangibile al primo giro, allora sì, la regola verrebbe applicata”. Questo è il caso che è stato applicato per la gara della Moto2™ del GP di Stiria

Ultimo giro 

Se si lotta per una posizione e si superano i limiti della pista bisogna rilevare uno svantaggio. “Il pilota che esce dai limiti della pista deve poi trovarsi in una posizione di svantaggio rispetto al rivale che ha rispettato i limiti – spiega Webb - Questa è una decisione dei Commissari Sportivi del MotoGP™ che fanno rispettare la regola e decidono quale sarà la sanzione”. 

“Verrà attribuita una sanzione per il superamento dei limiti della pista se ci sono prove evidenti con un’immagine chiara nel video. Per rafforzare questo, abbiamo telecamere ad alta velocità in tutti i punti critici con software di riconoscimento personale che controllano solo ed esclusivamente quelle telecamere. Diventa chiaro vedere se una moto è dentro o fuori” conclude il Race Directo del MotoGP™. 

Segui tutte le sessioni, guarda le interviste esclusive, le gare storiche e tanti altri fantastici contenuti: tutto col VideoPass!
Ya puedes disfrutar de DAZN por un precio de 9,99€ al mes. Sin permanencia y con un mes de prueba GRATIS. ¡Consíguelo AQUÍ!

Consigliati