Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
22 giorni fa
By motogp.com

Rins è l’ottavo vincitore in nove gare. Che stagione!

Due Suzuki sul podio, ad infilarsi al secondo posto c’è Alex Marquez autore di una gara superlativa. Mir è il nuovo leader del campionato

Il Gran Premio Michelin® de Aragón accoglie una sfida piena di spettacolo. Iniziamo parlando del podio, a salire sul gradino più alto è Alex Rins (Team Suzuki Ecstar) scattato dalla decima casella dello schieramento, una volta giunto in testa alla corsa, lo spagnolo deve difendere la prima posizione dal connazionale Alex Marquez (Repsol Honda Team) che, dopo il podio a Le Mans, si contende la vittoria fino alla fine. Il terzo posto permette a Joan Mir (Team Suzuki Ecstar) di portarsi in testa alla classifica generale con cinque punti di vantaggio su Fabio Quartararo (Petronas Yamaha SRT). Il francese affronta uno dei GP più complessi della stagione, scattato dalla pole position regredisce fino alla 18° posizione.

MotoGP™, chi si aggiudicherà la vittoria ad Aragona?

Cal Crutchlow (LCR Honda Castrol) scatta subito bene dalla terza casella, buona la partenza anche di Jack Miller (Pramac Racing) e di Quartararo. Ma Maverick Viñales (Monster Energy Yamaha MotoGP) si mantiene nel gruppo di testa. Le Ducati hanno faticato durante tutto il fine settimana e l’ultima speranza era quella di fare il meglio in gara. Purtroppo, la corsa di Francesco Bagnaia (Pramac Racing) finisce al terzo giro quando cade alla curva 3. Intanto, partendo dalla 13° casella dello schieramento, Andrea Dovizioso (Ducati Team) cerca di migliorare il proprio piazzamento iniziando a guadagnare posizioni fin dai primi giri. Il forlivese si trova davanti al compagno di squadra Danilo Petrucci (Ducati Team) e alle spalle del duo HondaAlex Marquez e Takaaki Nakagami (LCR Honda Idemitsu). 

Viñales va in testa alla gara, seguito da Quartararo ma al sesto giro Rins supera il francese mentre Franco Morbidelli (Petronas Yamaha SRT) ricuce il distacco dal gruppo dei primi tre. Mentre il rookie della Honda approfitta di un largo di Miller per prendersi il sesto posto mentre in quinta posizione c’è Mir. Davanti a tutti ci sono Viñales e Rins, sempre più distaccati con quasi un secondo di vantaggio dal gruppo alle loro spalle. Al nono giro, Rins sfreccia in testa alla gara superando lo spagnolo in sella alla M1. Pochi passaggi dopo è Alex Marquez ad attirare i riflettori con un sorpasso su Morbidelli così che lo spagnolo si assicura la quarta posizione. 

A metà gara Rins è in testa con oltre sei decimi di vantaggio mentre Viñales difende il secondo posto da Mir che al 13° giro lo attacca portandosi alle spalle del suo compagno di squadra. Alex Marquez approfitta del momento di vulnerabilità del connazionale lasciando il pilota Yamaha fuori dal podio provvisorio.  Stupisce Quartararo che, dopo essere scattato dalla prima casella dello schieramento, scivola fino alla 18° posizione. Invece Dovizioso recupera altre due posizioni e al 17° giro è settimo seguito da Miller

A cinque giri dal termine Marquez infila Mir andando a caccia di Rins che, fino a quel punto, ha portato avanti indisturbato. Il rookie sfoggia tutta la grinta con cui ha vinto due titoli mondiali prima di approdare alla massima categoria per andare a caccia della prima vittoria in MotoGP™. Il campione in carica della Moto2™ prende un rischio estremo a tre giri dalla fine ma riesce a salvare la sua RC213V e all’ultimo giro marcando da vicino il connazionale che diventa l’ottavo vincitore in nove Gran Premi. 

Viñales resta ai piedi del podio seguito da Nakagami che supera Morbido all’ultimo settore dell’ultimo giro. Dovizioso lancia il cuore oltre l’ostacolo per recuperare quante più posizioni possibili e si trova al settimo posto confermandosi come il miglior pilota Ducati in gara. Crutchlow manca l’obiettivo del podio arrivando ottavo al traguardo, seguito dall’amico Miller mentre Johann Zarco (Esponsorama Racing) chiude la top 10. 

Brad Binder (Red Bull KTM Factory Racing) è 11° a tenere alto il nome della KTM in un appuntamento dove le RC16 faticano ad occupare le prime posizioni. Alle spalle del sudafricano si piazza il suo compagno di squadra Pol Espargaro (Red Bull KTM Factory Racing) mentre Aleix Espargaro (Aprilia Racing Team Gresini) porta l’Aprilia in 13° posizione preparandosi ad affrontare la gara della prossima settimana con ancora più determinazione. Iker Lecuona (Red Bull KTM Tech 3) e Danilo Petrucci (Ducati Team) chiudono la zona punti. 

Per la seconda volta in questa stagione troviamo due Suzuki sul podio e Rins diventa il nono vincitore del 2020 mentre il suo compagno di box Mir si porta al comando della classifica generale ma ciò che manca ancora al maiorchino è la prima vittoria non solo per dare un passo decisivo in classifica, ma anche per coronare un campionato durante il quale sta dimostrando di avere la stoffa del campione. Viñales è terzo in campionato con 109 punti, 12 in meno rispetto al maiorchino e solo tre in più a Dovi. 

Tra meno di una settimana si tornerà in azione al MotorLand per disputare il Gran Premio Liqui Moly de Teruel, a partire da venerdì 23 ottobre riprenderà la sfida. Che scenario si presenterà la prossima settimana? Scoprilo con noi!

I primi 10 classificati:

1. Alex Rins - (Team Suzuki Ecstar) - 1:48.404
2. Alex Marquez - (Repsol Honda Team) - +0.263
3. Joan Mir - (Team Suzuki Ecstar) - +2.644
4. Maverick Viñales - (Monster Energy Yamaha MotoGP) - +2.880
5. Takaaki Nakagami - (LCR Honda Idemitsu) - +4.570
6. Franco Morbidelli - (Petronas Yamaha SRT) - +4.756
7. Andrea Dovizioso - (Ducati Team) - +8.639
8. Cal Cruchlow - (LCR Honda Castrol) - +8.913
9. Jack Miller - (Pramac Racing) - +9.390
10. Johann Zarco - (Esponsorama Racing) - +9.617

Clicca qui per vedere tutti i risultati completi.

Segui tutte le sessioni, guarda le interviste esclusive, le gare storiche e tanti altri fantastici contenuti: tutto col VideoPass!

Consigliati