Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
18 giorni fa
By motogp.com

GP de Valencia: Ultima chiamata per il titolo?

Questa domenica Mir potrebbe diventare campione del mondo ma Quartararo farà di tutto impedirglielo

Siamo giunti alle battute finali di una stagione piena di sorprese. Durante la conferenza stampa del Gran Premio Motul de la Comunitat Valenciana i piloti ancora in gioco per il titolo condividono le loro sensazioni, spiegano quali sono i loro obiettivi e alludono a qualche preoccupazione. Joan Mir (Team Suzuki Ecstar) si prepara per affrontare il primo match point ma Fabio Quartararo (Petronas Yamaha SRT) e Alex Rins (Team Suzuki Ecstar) saranno i primi due a fare il possibile per fermare il maiorchino. Alla conferenza, hanno partecipato anche Maverick Viñales (Monster Energy Yamaha MotoGP), Pol Espargaro (Red Bull KTM Factory Racing) e Takaaki Nakagami (LCR Honda Idemitsu).

Il primo a prendere la parola è stato il leader della classifica generale, Mir, che non sembra preoccupato: “Onestamente mi sento benissimo, è un weekend speciale perché abbiamo il primo match point. Significa che abbiamo fatto un ottimo lavoro in questa stagione, abbiamo un buon vantaggio in termine di punti ma niente è ancora sicuro”. Felice di essere ad un passo dal titolo al suo secondo anno in classe regina, lo spagnolo non nega però il suo stupore: “Non mi aspettavo di essere a questo livello, non si tratta solo di lavoro quest’anno ma di quello fatto nel corso degli anni”.

Al secondo posto, a meno 37 dal capolista, troviamo Rins, determinato a ridurre il distacco dal suo compagno di squadra: “L’unica cosa da fare è provare a vincere. Per farlo, dovrò migliorare il set-up perché abbiamo faticato un po’ nell’ultima parte di gara. Stiamo vivendo un momento davvero emozionante perché possiamo vincere la tripla corona ed è una grande soddisfazione sia per noi che per Suzuki”.

Chi invece si trova a dover digerire qualche delusione, quello è Quartararo che, dopo un inizio di stagione strepitoso, ha vissuto una battuta d’arresto ma non è ancora detta l’ultima parola. Il francese è ancora in gioco per il titolo: “Penso che sia importante pensare a domenica. Dobbiamo fare la miglior qualifica possibile e poi lottare per la vittoria se vogliamo portare la lotta per il titolo a Portimao. È l’unica soluzione”.

Viñales invece è già rassegnato ma non vuole rinunciare ad una piazza sul podio: “In questo momento la nostra priorità è qualla di migliorare per il prossimo anno perché non possiamo continuare ad essere incostanti. Quando le Yamaha hanno aderenza è difficile batterci ma quando c’è poco grip facciamo molta fatica, più dei nostri rivali. Dobbiamo concentrarci questo fine settimana e cercare di trovare delle soluzioni”.

Una delle grandi rivelazioni della stagione, sta inseguendo il primo podio e chissà che non arrivi proprio questa domenica. Stiamo parlando di Nakagami che, alla vigilia del GP de Valencia è piuttosto ottimista: “Normalmente quando ci sono due gare consecutive abbiamo trovato dei miglioramenti da un fine settimana all’altro. Puntiamo alla vittoria o quanto meno al podio, poi, la nostra seconda priorità è il Campionato. Se riuscirò a battere Pol, perché siamo molto vicini, sarò più che felice ma sono più concentrato sul vincere la mia prima gara”.

Non resterà di certo con le mani in mano Pol Espargaro che, come il giapponese, è riuscito a migliorare i propri piazzamenti alla seconda gara consecutiva sulla stessa pista: “Siamo stati bravi a marcare le due Suzuki domenica scorsa e adesso che siamo settimi in campionato, vicinissimi a Taka, daremo il massimo anche se penso che Taka sarà molto veloce questo fine settimana. Vediamo se riusciamo a batterlo migliorando il nostro piazzamento in campionato”.

L’azione in pista per i protagonisti della classe regina inizierà venerdì 13 novembre a partire dalle 10:55, vivi tutta l’azione insieme a noi!

Segui tutte le sessioni, guarda le interviste esclusive, le gare storiche e tanti altri fantastici contenuti: tutto col VideoPass!

Consigliati