Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
23 giorni fa
By motogp.com

Quante cadute ci sono state nel 2020?

Diamo un’occhiata a uno dei dati più curiosi da analizzare a fine stagione. Scopri i numeri di tutte categorie del campionato MotoGP™

Tags MotoGP, 2020

Il 2020 è stata una stagione senza precedenti. Un calendario più breve e che si è adattato alla pandemia del Covid-19. Abbiamo assistito a 15 GP, motivo per cui, in termini assoluti, i numeri sono più bassi rispetto agli anni precedenti.

Ci sono state 722 cadute in totale tra MotoGP™, Moto2™ e Moto3™ nel 2020, 180 delle quali appartengono alla classe regina. La media per ogni evento è di 12,8 un dato in aumento rispetto all’11,6 del 2019 ed è la più alta rispetto all’intervallo compreso tra il 2010 e il 2015, ma inferiore a quello tra il 2016 e il 2018. Il dato attuale di 722 cadute è il più basso delle ultime 10 stagioni anche se in MotoGP™ ce ne sono state 46 in più rispetto al 2010, anno in cui si contarono solo 134 cadute in classe regina e le 825 complessive in 18 Gran Premi.

Nel complesso, per le tre le categorie, sono state le gare le sessioni col maggior numero di cadute: 76 in Moto3™, 90 in Moto2™ e 56 in MotoGP™. In classe regina la FP2 è stato il turno col maggior numero di uscite di scena dopo quello della domenica, ben 30, una in più rispetto alla FP3. È stata la sessione del sabato mattina a vedere in maggiore difficoltà i protagonisti della Moto2™ a parte la gara, mentre i piloti della Moto3™ hanno apparentemente trovato più difficile la FP1.

Per il secondo anno consecutivo, il GP di Francia è quello che ha contato il maggior numero di cadute, a Le Mans ce ne sono state 100 in totale, 10 in più rispetto all’anno scorso. Il GP de Catalunya è stato il secondo con 64 cadute, nove in meno rispetto al 2019, e la nuova vista di Portimao che invece vanta il numero più basso per le tre categorie (32).

Chi sono i piloti che sono caduti con più frequenza? Johann Zarco (Esponsorama Racing) è finito sulla ghiaia 15 volte nel 2020 portandosi in testa alla classifica della classe regina. Il debuttante Alex Marquez (Repsol Honda Team Repsol) è secondo con 14 cadute seguito da Aleix Espargaro (Aprilia Racing Team Gresini) terzo a quota 12. Rovesciando la classifica troviamo Danilo Petrucci (Ducati Team) finito a terra in sole due occasioni, mentre Andrea Dovizioso (Ducati Team) e Maverick Viñales (Monster Energy Yamaha MotoGP) ne hanno quattro a testa.

In Moto2™, Kasma Daniel (Onexox TKKR SAG Team) è caduto 20 volte, al secondo posto troviamo Jorge Navarro (Speed Up). L’olandese Bo Bendsneyder (NTS RW Racing GP) è caduto solo una volta in 15 Gran Premi, quattro in meno di qualsiasi altro pilota. Gabriel Rodrigo (Kömmerling Gresini Moto3) è caduto 18 volte nel 2020, tre volte in più rispetto ad Alonso Lopez (Sterilgarda Max Racing Team). Il rookie Jeremy Alcoba (Kömmerling Gresini Moto3) vanta il primato opposto al suo compagno di squadra essendo caduto solo due volte.

Qual è la curva che ha visto il maggior numero di cadute? La curva 3 di Le Mans, ne ha viste 30, nove in più rispetto alla 2 del Circuit de Barcelona-Catalunya. Non sorprende che la curva 2 del MotorLand sia nella top 3 che si trova a pari punti con la curva 14 del circuito Ricardo Tormo che ha ospitato il GP de Europa.

Segui tutte le sessioni, guarda le interviste esclusive, le gare storiche e tanti altri fantastici contenuti: tutto col VideoPass!