Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
4 giorni fa
By motogp.com

I piloti MotoGP™ parlano dell’incidente Moto3™ ad Austin

Marc Marquez, Quartararo, Bagnaia, Rossi e Mir parlano del terrificante incidente avvenuto al COTA e della successiva penalità per Öncü

La dinamica è stata spaventosa ma, fortunatamente, tutti i piloti coinvolti hanno lasciato la pista con le proprie gambe. Dopo il contatto con Deniz Öncü (Red Bull KTM Tech3) sul rettilineo da 1.2 km del COTA, durante il secondo avvio di gara per la classe regina del Red Bull Grand Prix of The Americas, Jeremy Alcoba (Indonesian Racing Gresini Moto3) è caduto mentre i suoi più diretti inseguitori sono sopraggiunti. Andrea Migno (Rivacold Snipers Team) e il leader del campionato del mondo Pedro Acosta (Red Bull KTM Ajo) non hanno avuto la possibilità di evitare la Honda di Alcoba.

In seguito alla seconda bandiera rossa della giornata, è stato Izan Guevara (Solunion GASGAS Aspar Team) ad assicurandosi la vittoria del Gran Premio. Più tardi nel pomeriggio, i Commissari Sportivi della FIM MotoGP™ hanno ritenuto Öncü responsabile dell'accaduto e il pilota turco è stato sospeso per le prossime due gare.

Al termine dell'azione di domenica ad Austin, alcuni dei piloti della MotoGP™ hanno condiviso la prorpria opinione su quanto accaduto.

Marc Marquez

"C'è stato un momento di paura e in TV... Voglio dire che tutti nel mio box erano in silenzio perché non si sa mai cosa può succedere ed è una stagione già di per sé difficile per il mondo delle moto. Ma è vero che è stato l'errore o l'azione di un pilota a creare una dinamica come quella che abbiamo visto.

"È una penalità molto forte, naturalmente non è stato intenzionale quello che ha fatto Öncü ma è anche vero che bisogna intervenire con provvedimenti così forti per fermare fin da subito questi comportamenti. Non puoi cambiare la tua traiettoria in modo troppo aggressivo nel mezzo di un rettilineo perché possono succedere di queste cose. Per me, questo è il modo, soprattutto nelle categorie inferiori, per fermare queste azioni".

Fabio Quartararo

"È vero che nelle categorie leggere la scia è molto importante ma non puoi cambiare la tua traiettoria sul rettilineo. Per me, devi pensare bene alla strategia che vuoi fare in Moto3™. Sicuramente non è stato intenzionale da parte di Deniz, ma purtroppo dobbiamo avere - credo - penalità importanti per chi fa delle manovre strane, soprattutto sul rettilineo".

Francesco Bagnaia

"Non è la prima volta che vediamo una cosa del genere in Moto3™. Anche a Barcellona, Rodrigo ha fatto lo stesso ma in quel caso le cose sono andate meglio perché non c'è stato un incidente. Stiamo vedendo un sacco di movimenti strani, siamo anche fortunati che qui il rettilineo è molto lungo e il muro è un po' più lontano del solito. È bene che abbia ricevuto questa penalità, questo è l'unico modo sicuro per iniziare a cambiare qualcosa, ma devono pensare a qualcosa di più perché così, sarà sempre molto pericoloso".

Valentino Rossi

"Non voglio parlare nello specifico di Öncü o di un altro pilota, ma per me la penalità è giusta. Dovevano fare qualcosa. È il minimo debba passare due gare a casa perché devono fare qualcosa di serio perché la situazione è completamente fuori controllo, secondo me.

"Öncü si è spostato sul rettilineo quando sapeva di avere un altro pilota al suo fianco e ha tagliato la traiettoria. Quello era potenzialmente un incidente mortale. Ho avuto molta paura per tutti. Acosta ha fatto una caduta terrificante e sono molto fortunati che non sia successo nulla. Ma devono fare qualcosa di serio con questi giovani ragazzi fin dall'inizio. La situazione deve cambiare prima che succeda qualcosa. Il motociclismo è troppo pericoloso per avere questo comportamento in pista".

"Devi rispettare la tua sicurezza e quella dei tuoi rivali, questa cosa è più importante che guadagnare una posizione perché qui si gioca con la vita potrebbe essere potenzialmente un disastro".

Joan Mir

"A questo proposito, ho visto la faccia di Deniz, era distrutto alla fine della gara. Non l'ha fatto apposta. Non è l'unico che ha fatto questo tipo di manovre. Penso che la penalità non sia solo per la manovra che ha fatto. È perché anche gli altri smettano di fare questo, è solo un modello di punizione. Quindi, sono d'accordo. Non possiamo più avere questo tipo di manovre.

"Quest'anno abbiamo perso molti ragazzi e oggi ne abbiamo quasi perso un altro. Quindi, dobbiamo prendere delle buone decisioni perché queste categorie, quelle piccole con quelle moto che sono facili e dove si creano grandi gruppi, penso che questo stia diventando molto, molto, molto pericoloso. I gruppi sono sempre molto grandi, non ero felice prima della mia gara. Non è facile per i piloti vedere un simile incidente. Non so quale sarà la misura, ma ne avremo bisogno presto perché se no, succederà ancora qualche cosa di brutto".

I commissari di gara hanno applicato il regolamento e sono quindi stati i risultati all’interruzione della prima gara a essere considerati per il punteggio, quindi Acosta si dirige al Gran Premio Nolan del Made in Italy e dell'Emilia-Romagna con un vantaggio di 30 punti su Dennis Foggia (Leopard Racing).