Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
16 giorni fa
By Michelin

Bibendum all’ultimo appuntamento del triplete

Michelin arriva in Malesia dove si correrà il terzo GP della trasferta pacifica. Sepang rinnovato e il caldo come grande esame.

Michelin, fornitore unico di gomme nella classe regina, si prepara al GP della Malesia in programma da venerdì 28 ottobre all’International Circuit di Sepang. Da quando il costruttore francese è stato protagonista dei test precampionato di febbraio, il tracciato ha subito alcune modifiche e ristrutturazioni che ne hanno migliorato la sicurezza in vista della diciassettesima prova del Campionato del Mondo MotoGP™. La pista misura 5,543 Km, il clima caldo e umido sarà una variabile da tenere in considerazione, soprattutto per quanto riguarda il consumo delle gomme ma anche la probabilità di violente piogge potrà incidere sulla tre giorni di GP. Per affrontare il penultimo appuntamento dell’anno Michelin metterà a disposizione dei piloti tre tipi di gomme anteriori da asciutto con mescole morbide, medie e dure. Il primo e l’ultimo tipo sono contraddistinti da banda laterale bianca e gialla. Unite a queste il fornitore ha portato a Sepang due tipi di composti posteriori, medio e duro a profilo asimmetrico con spalla destra rinforzata. Imprescindibili, viste le possibili precipitazioni, le gomme da pioggia nelle varianti morbide e medie. Per ultimo e per le condizioni di incertezza, lo penumatico intermedio con banda argento laterale.

Piero Taramasso, direttore Michelin reparto Motorsport: “Sepang segnerà l’ultima tappa della nostra lunga trasferta. Il tracciato è cambiato da quando abbiamo provato lì ad inizio stagione, ha subito delle modifiche ed è stato asfaltato. La maggior parte dei dati raccolti nel precampionato quindi non potranno darci una mano ma abbiamo fatto un test a metà stagione e abbiamo una base su cui lavorare. Il layout presenta molte curve veloci dove la tenuta della gomma posteriore è basilare. Si potranno raggiungere temperature molto elevate e sappiamo che sarà un esame difficile”.

Consigliati