Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
24 giorni fa
By motogp.com

Via al GP di Germania, parla la classe regina

Tutto pronto al Sachsenring per il nono appuntamento stagionale. La classifica è in continuo mutare e si correrà sul nuovo asfalto

È giovedì 29 giugno, è la giornata che anticipa le prime libere del GP di Germania, l’evento che segna il giro di boa stagionale. Una pista storica quella alle porte di Hohenstein-Ernstthal che da oltre mezzo è teatro di competizioni motoristiche. Un tracciato corto ma impegnativo sul quale, oltre alla variabile metereologica con la pioggia e il freddo già scenario dell’appuntamento con i media, ad incidere sarà anche l’incognita del nuovo asfalto, mai provato.

Support for this video player will be discontinued soon.

La conferenza stampa del #GermanGP

Alla conferenza stampa di apertura si presentano Andrea Dovizioso, portacolori Ducati Team e leder della classifica iridata, Maverick Viñales e Valentino Rossi (Movistar Yamaha), Marc Marquez (Repsol Honda) e Jonas Folger, pilota Monster Yamaha che fa gli onori di casa.

“Sono felice di come stiamo lavorando”, afferma il romagnolo del Team, che domina la classifica generale di quattro punti sul secondo. “Nelle ultime prove abbiamo battuto la strada giusta. Ad Assen il mio inizio di gara non è stato dei migliori ma poi sono uscito bene; le condizioni erano difficili, era facile sbagliare, ho deciso di non prendere rischi e di portare al box il più alto numero di punti possibile”.

Dovizioso commenta l’appuntamento teutonico. “Ho delle buone sensazioni e stiamo lavorando con grande tranquillità. L’asfalto farà la differenza, dovremo capire bene il comportamento delle gomme”, termina. “Tutto può accadere, vedremo come andrà”.

“È stata una grossa delusione ad Assen”, Viñales ricorda la caduta che lo ha messo fuori dai giochi nella prova olandese e fatto scivolare al secondo posto in classifica generale. “Ma guardo al fatto che sul secco sono stato veloce e i punti tra me e Dovizioso che sono pochi”.

Prosegue parlando delle condizioni della gara che, date le previsioni meteo del fine settimana, si preannuncia sulla pioggia, “Siamo migliorati sul bagnato e vedremo cosa potremo fare. L’anno scorso sono stato abbastanza competitivo, dobbiamo restare concentrati e forti in ogni situazione”.

Marquez è il pilota che ha vinto i recenti GP tedeschi e sembra avere un rapporto speciale con la pista sassone, “Una cosa da capire sarà come dare il massimo in queste condizioni”. Il numero 93, ora quarto iridato, continua. “Ad Assen il podio è stato un buon risultato e abbiamo conquistato punti importanti. Dovremo proseguire così, senza commettere errori come fatto fino ad ora”.

Dopo lo stupendo successo olandese, Valentino Rossi adesso è terzo a tre punti dal compagno di box e a sette dalla vetta. “Una bella vittoria, dopo una balla gara”, commenta il nove volte campione. “È stato un risultato importante per il campionato. Ora tutto è aperto e sono ancora vicino alla vetta”.

Parla del Sachsenring, “Questa è una pista molto diversa da Assen, dovremo essere pronti a queste condizioni difficili. L’anno scorso ci fu una situazione incerta con il flag-to-flag e spero che in questa stagione tutto sia più chiaro con una corsa o completamente asciutta, o completamente bagnata”.

Support for this video player will be discontinued soon.

Rossi e il futuro: “Se ancora competitivo potrò continuare”

Prima della conferenza stampa, Valentino ha anche espresso un giudizio sul suo futuro dopo il 2018, anno di scadenza del contratto che lo lega a Yamaha.

“In Olanda non mi aspettavo di essere così forte sull’asciutto”, dice Petrucci, reduce da un fantastico secondo posto e forse il pilota più in forma del momento. “Anche con la leggera pioggia che ha caratterizzato l’ultima parte di gara non ho commesso errori. È un buon momento per noi”. Parla della gara tedesca del 2016, finita anzitempo.

“Ero in testa ma Dovi era molto vicino, ho spinto e sono caduto”, conclude, “Vedremo come sarà il nuovo asfalto, una variabile importante ma la stessa per tutti. Non sono lontano dalle prime posizioni (Petrucci è settimo, ndr), ma non ho nulla da perdere e il primo obiettivo è non fare come l’anno scorso”.

Chiude Folger: “È un piacere essere qui sulla mia pista di casa. La stagione è partita bene, l’obiettivo era stare con i migliori dieci ed è stato rispettato, anzi, addirittura migliorato visto che siamo da top 6. La cosa difficile della classe regina è trovare la miglior soluzione per la domenica. In generale stiamo facendo bene”.

Ai piloti è stato poi chiesto un parere su una delle novità del 2018: l’introduzione obbligatoria, ma già in uso, di una funzione nei cruscotti dei prototipi che permette alla Direzione Gara, oltre al proprio box, di comunicare le infrazioni e altri avvisi utili alla condotta di corsa.

Da venerdì 30 giugno la parola alla pista con le prime libere Moto3™ che inizieranno alle 9:00. Per consentire un primo contatto utile con la nuova copertura del tracciato la FP1 e la FP2 della classe regina saranno allungate di dieci minuti con il seguente orario. Prime libere: 9:50 – 10:45, seconde 14:00 – 14:55. 

 

 

Consigliati