Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
3 giorni fa
By motogp.com

Marquez perfetto: attacco e vittoria

Il campione del mondo non fa sconti. A Misano batte Petrucci e sale in testa alla classifica iridata a pari merito con Dovi, oggi terzo

È un Marc Marquez che non conosce rivali quello che centra la quarta vittoria stagionale al GP di San Marino. Per il portacolori Repsol Honda un successo arrivato dopo un attacco decisivo su Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing) autore di una gara di altissimo livello ma costretto ancora una volta alla piazza d’onore. Terzo Andrea Dovizioso, pilota del Ducati Team, che mantiene la prima piazza iridata ma a pari merito con il numero 93 Honda.

La prova della massima cilindrata inizia in condizioni da bagnato. La pioggia, che batte la pista adriatica dalle prime ore della mattinata cesserà dopo i primi giri, ma l’asfalto resterà in condizioni proibitive.

Support for this video player will be discontinued soon.

La conferenza stampa post-gara del #SanMarinoGP

In apertura griglia di partenza Maverick Viñales (Movistar Yamaha MotoGP). Il catalano ha fatto il passo nelle qualifiche di un GP segnato dalla grande assenza di Valentino Rossi, suo compagno di box e costretto a saltare la sua gara di casa per infortunio. A fianco del numero 25 Yamaha, Dovizioso mentre terzo Marc Marquez, migliore del warm up e pronto per una prova maiuscola.

Il talento di Cervera scatta bene ed è secondo fino al quinto giro dietro a Lorenzo, autore di un ottimo avvio. Marquez poi subisce l’attacco di Petrucci e resta nella scia del ternano, nuovo primo in seguito all’uscita di scena del numero 99. Il campione del mondo non sbaglia e nell’ultimo giro super, il migliore a livello cronometrico della gara, attacca e mette a KO il ternano. È la quarta vittoria stagionale al termine di una prestazione lucida e senza sbavature.

Viñales non brilla nell’avvio in pole position e al secondo giro subisce il sorpasso di Danilo Petrucci. Il pilota Fiamme Oro ha iniziato la sua prova dalla ottava posizione ma nei primi giri rimonta fino al quarto posto. Risale fino ad essere terzo superando Dovizioso e arriva alla piazza d’onore avendo la meglio su Marquez. Petrucci resta al comando della gara grazie all’uscita di scena di Lorenzo, tiene la testa della corsa mettendo tanto del suo nel domare il prototipo nelle difficili condizioni della pista romagnola. Nei giri finali deve tenere a bada gli attacchi continui di Marquez ma, all’inizio dell’ultimo giro, è costretto alla resa e alla delusione del secondo posto.

Support for this video player will be discontinued soon.

#SanMarinoGP, in slow motion

Dal canto suo Viñales, dopo aver perso le posizioni si attesta al quarto posto; Non sembra mai in grado di entrare nella lotta per il podio. Chiuderà giù dal podio.

In avvio di gara Dovizioso è terzo. Subisce poi l’attacco di Petrucci e perde una posizione. Il forlivese ha scelto per la prova adriatica una carena con appendici aerodinamiche, non una cosa usuale per lui. Resta nella scia di Marquez e Petrucci per quasi tutta la corsa senza trovare le migliori sensazione e chiude sul gradino più basso del podio accumulando sedici punti iridati utili per tenere la vetta della classifica.

Michel Pirro, tester - pilota del Ducati Team e in pista a Misano come wild card, dopo l’avvio dalla quarta fila è quinto finale grazie al sorpasso su Jack Miller (EG 0,0 Marc VDS) nel corso del diciannovesimo giro.

Jorge Lorenzo, come spesso accade in questa stagione, è autore di una partenza bruciante. Supera Marquez dopo due curve e si pone al comando della gara. Fa il vuoto ma la sua prova finisce alla curva 6 nel corso del sesto passaggio. Il maiorchino che stava interpretando una corsa perfetta è disarcionato dalla sua Desmosedici GP. Negli stessi istanti cade anche Cal Crutchlow (LCR Honda) che fino ad allora era rimasto vicino alle prime posizioni.

Ancora una gara impegnativa e chiusa con poche soddisfazioni per Andrea Iannone (Suzuki Ecstar). Il pilota di Vasto è protagonista di una breve rimonta dalla settima fila della griglia di partenza ma un ritiro segnerà la sua prova a San Marino. Top dieci centrata ancora una volta e ottavo posto per il suo collega di scuderia Alex Rins. Domani, lunedì 11 settembre, il team di Hamamatsu resterà sulla pista di Misano per dei test.

Perde da subito contatto con la testa della corsa Dani Pedrosa (Repsol Honda). Gara da dimenticare per il vincitore della passata edizioni. Sarà quattordicesimo finale.

Cadute per Hector Barbera, Loris Baz (Reale Avintia Racing), due volte a terra, Sam Lowes (Aprilia Racing Team Gresini) e Tito Rabat (EG 0,0 Marc VDS).

Johann Zarco (Monster Yamaha Tech 3) accusa un problema tecnico nei metri finali. Il rookie transalpino stoicamente spinge la sua M1 fin sotto la bandiera a scacchi chiudendo come quindicesimo e guadagnando un utile punto iridato per il suo primato da miglior debuttante della stagione. Fa meglio il compagno di box Jonas Folger, nono.

L’ordine di arrivo e la classifica generale sono consultabili qui.

Prossimo appuntamento il GP d’Aragona, in programma dal 22 settembre.

Continua a seguire il Campionato del Mondo MotoGP™ grazie al TimingPass.

Support for this video player will be discontinued soon.

#SanMarinoGP: la gara MotoGP™