Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
2017-10-12
By motogp.com

La lotta per il titolo arriva a Motegi

Giovedì di apertura del GP nipponico, i tre in corsa la vittoria finale commentano l’apertura del triplete

Parte GP del Giappone e a Motegi va in scena la conferenza stampa che apre la quindicesima prova del Campionato del Mondo MotoGP™, la prima della tripla asiatica. Una tappa da importante quella al Twin Ring, sono tre i costruttori che hanno sede nel paese del Sol Levante e che hanno contribuito alla storia del motociclismo.

La conferenza stampa a Motegi

A Motegi Marc Marquez, pilota Repsol Honda e primo in classifica generale, potrà allungare il suo vantaggio ma gli inseguitori Andrea Dovizioso (Ducati Team) e Maverick Viñales (Movistar Yamaha MotoGP) sono pronti a complicargli la riconferma iridata. Prima dell’evento che dà il via al GP arriva la notizia della defezione di Jonas Folger. Il pilota Monster Yamaha Tech 3 è stato afflitto da alcuni problemi fisici e al suo posto correrà Kohta Nozane, ex Moto2™.

Via alla volata per la corona iridata

Oltre ai tre pretendenti al titolo, sono presenti anche Aleix Espargaro (Aprilia Racing Team Gresini), Takaaki Nakagami (Idemitsu Honda Team Asia), corridore Moto2™ con un futuro in MotoGP™ e Joan Mir, leader della Moto3™, portacolori Leopard Racing e lanciato verso il suo primo successo mondiale.

Marquez vinse il titolo nel 2016 proprio al Twing Ring, una pista che negli ultimi anni ha visto i successi delle moto dall’ala. Il numero 93 anche questa volta si dice pronto alla grande prova.

“Un momento importante per tutti, è ancora un ripartire e la sfida è apertissima”, afferma Dovizioso, secondo iridato a 16 punti da Marquez. “Condizione difficile, ma sono felice e mi sento forte. Tenterò di dare il massimo”, prosegue. “Sono soddisfatto di questa stagione, abbiamo lottato con i migliori e abbiamo fatto un grande lavoro. So di avere delle possibilità per la vittoria finale”. Dovizioso si sente particolarmente a suo agio sulla pista nipponica dove nel 2016 arrivò secondo. “Viviamo giorno per giorno e daremo il massimo”, termina. “I mie avversari sono forti ma se sono a questo punto ho le mie carte da giocare”.

I due avversari principali, Marquez e Viñales, ora terzo a 28 punti dal connazionale sono decisi a dare tutto. La sfida, partendo proprio dal Giappone sarà ridotta a questi tre corridori e anche il portacolori del team di Iwata è deciso a dire la sua là dove nel 2016 interpretò una grande gara, arrivando terzo.

“Aragón è stata una grande gara per me”, commenta Espargaro che ha chiuso la prova al MotorLand come sesto: “La moto non è cambiata molto ma abbiamo mutato le geometrie, grazie al lavoro fatto siamo cresciuti e sono contento di essere arrivato vicino ai migliori; Aprilia che potrebbe esprimere bene il suo potenziale qui a Motegi”. L’anno scorso, con i colori Suzuki, il catalano arrivò quarto nella prova di apertura del triplete.

Mir nel 2018 sarà pilota Moto2™ ma adesso il suo obiettivo è conquistare la corona iridata della categoria cadetta: “Sono veramente molto soddisfatto”, dice il maiorchino che beneficia di 80 punti sugli avversari ed è pronto a dare la stoccata finale. “Ho un grande vantaggio ma posso anche perderli e non solo vincere il titolo. Io comunque darò il massimo”. Consigli importanti per Mir sono arrivati anche da Marc Marquez, cinque volte campione e una volta nella piccola classe che insieme agli altri piloti della categoria regina ha definito Mir un corridore dal grandissimo potenziale.

Nakagami&Crutchlow, la grande formazione LRC 2018

Nakagami, futuro compagno di scuderia di Cal Crutchlow (LCR Honda), si è detto soddisfatto che il movimento motociclistico nipponico è tornato a crescere, un esempio recente Kazuki Masaki, vincitore della Red Bull MotoGP™ Rookies Cup e probabile futuro pilota in Moto3™.

Da venerdì 13 ottobre la parola passerà alla pista con le prime prove libere. Aprirà la Moto3™ alle 9:00 locali, in Italia saranno le 2 del mattino.

Consigliati

motogp.com
Il Mugello è di Oliveira

3 anni fa

Il Mugello è di Oliveira