Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
11 giorni fa
By motogp.com

Chi sarà l’eroe di Imola?

Bautista proverà la fuga su una pista leggendaria ma che conosce poco. Rea è deciso a tornare il re ma occhio agli idoli di casa, Melandri e

Chi fermerà Bautista? Questa è la domanda alle porte del quinto round del Campionato del mondo MOTUL FIM Superbike. L’Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola accoglierà numerosissimi fan e lo spettacolo è garantito. Qui abbiamo assistito a duelli epici, come quello del 2002 o l’entusiasmante Gara 2 del 2018; quest’anno non sarà certo da meno. Dopo quattro settimane di pausa, è ora di tornare in azione su un tracciato che ha fatto la storia di questa competizione, terreno di eroi delle derivate di serie.

Nel lessico musicale di origine italiana, uno dei termini più comuni è l’aria. Si tratta di un assolo vocale durante il quale il cantante mette in atto il meglio delle sue performance. Tradizionalmente, la maggior parte dei solisti si esibisce in un momento preciso, ma fino ad ora c’è stato poco spazio per gli attori che non fossero quello principale. Anche ad Assen, Alvaro Bautista (Aruba.it Racing - Ducati) è riuscito ad imporre la sua autorità sui rivali seppur con un margine ridotto.

La stella spagnola è sempre più brillante ma adesso c’è un’incognita. Se fino ad ora il talaverano, ex MotoGP™, conosceva perfettamente le piste sulle quali ha dominato, su quella emiliana ha girato solamente due volte: la prima due anni fa in occasione di alcune prove e l’ultima durante i recenti test privati Ducati. Sulla carta, quindi, Bautista parte con un deficit. Il Pirelli Italian Round sarà la gara di casa per Ducati e per tutti i piloti della casa di Borgo Panigale che saranno particolarmente motivati a mettersi in mostra. Chaz Davies (Aruba.it Racing - Ducati) ha vinto quattro gare sull’asfalto emiliano ed è uno dei maggiori conoscitori di questo circuito, di sicuro cercherà di trarre vantaggio ed imporsi sul compagno di squadra.

Se a vincere fosse il pilota in sella ad un'altra moto, questo sarebbe uno schiaffo per Ducati che ha svolto dei test privati a meno di due settimane dal round proprio su questa pista, e Kawasaki cerca vendetta. L'ultima volta che la casa giapponese non ha vinto nemmeno una gara nei primi quattro round fu nel 2011, prima della nascita del Provec Racing. Anche per Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK) si tratta di una situazione anomala, non disputava quattro round consecutivi senza nessuna vittoria dai tempi in cui era pilota Honda. Senza dubbio non farà facile per il nord-irlandese affrontare questo appuntamento in territorio ducatista, Ma le statistiche sono dalla sua parte: nel 2018 il round di Imola fu quello che il campione del mondo dominò totalmente. Imola è la pista sulla quale Rea farà quel click necessario per poi riuscire ad avere la meglio sul binomio Bautista – Ducati?

Ma Ducati può contare anche sulla grande voglia di mettersi in mostra di Michael Ruben Rinaldi (Barni Racing Team). La promessa desmodromica ha già vinto all’autodromo di Imola, in Superstock 1000 nel 2017 mentre potrebbe essere il Round di Eugene Laverty, portacolori dell’italiana Team Goeleven, sempre in sella ad una creazione di Borgo Panigale.

Un tema di un fine settimana tutto da seguire è come andranno i piloti Yamaha. Marco Melandri (GRT Yamaha WorldSBK) ottenne il suo primo podio con la casa di Iwata in Australia, seguito da una tripletta di terzi posti ottenuti da Alex Lowes (Pata Yamaha WorldSBK Team) in Thailandia. Il veterano di Ravenna ha recentemente svolto alcuni test privati, a porte chiuse, proprio per preparare al meglio la prova italiana. Per lui un importante occasione per tornare tra i protagonisti della lotta di vertice.

Restando nella famiglia di Iwata, ad Aragon Sandro Cortese (GRT Yamaha WorldSBK) ha fatto un'ottima qualifica e Michael van der Mark (Pata Yamaha WorldSBK Team) è stato uno dei protagonisti indiscussi ad Assen. I piloti in sella alla YZF R1 hanno tutte le carte in regola per fare bene. Stesso discorso vale per Jordi Torres (Team Pedercini Racing), reduce da ottime finiture nelle top 10.

Costanza e regolarità sono i due imperativi BMW, le prestazioni della moto tedesca stanno migliorando tanto che Tom Sykes Markus Reiterberger (BMW Motorrad WorldSBK Team) hanno ottenuto risultati sempre più interessanti, è giunto il momento di puntare al podio mentre il Moriwaki Althea Honda Team si è trovato in una situazione simile. La casa giapponese sta appoggiando pienamente il progetto e presto dovremmo iniziare a vedere i risultati di Leon Camier e di Ryuichi Kiyonari.

L'azione all'Autodromo Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola inizierà venerdì 10 maggio con le prime prove libere. I semafori di Gara 1 si spegneranno alle 14:00 HL (GMT+ 2). Domenica sono in programma la Tissot Superpole Race alle 11:00 HL e Gara 2 alle 14:00. Segui il Round con WorldSBK VideoPass!

Consigliati