Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
28 giorni fa
By motogp.com

Marquez il primatista, Ducati le inseguitrici

Lo spagnolo segna la pole a Le Mans ma i desmodromici sono in agguato. Chi l’anti-Marquez tra Petrux, Dovi o Miller?

Le Ducati ancora una volta sono chiamate al ruolo di anti-Marquez. Questa volta il teatro dello scontro tra il campione del mondo Repsol Honda e l’armata desmodromica è il GP di Francia. Marc Marquez firma la pole e dietro ci sono Danilo Petrucci (Ducati Team), Jack Miller (Pramac Racing) e Andrea Dovizioso (Ducati Team). Le moto di Borgo Panigale sembrano le uniche in grado di contrastare ad armi pari la legge del numero 93 che rischia e cade ma firma la terza pole della stagione.

Support for this video player will be discontinued soon.

Marquez inseguito dalla Ducati

“È stata una buona sessione”, commenta Miller, pronto alla battaglia in chiusura della prima fila. “Un po’ come tutto il fine settimana. In FP1 abbiamo provato in vista della gara, con gomme usate facendo molti passaggi. Domani potrebbe essere mutevole ma credo che siamo pronti, darò il massimo partendo dalla prima fila. L’anno scorso avevo finito come quarto. Quest’anno vorrò fare bene”.

Support for this video player will be discontinued soon.

La conferenza stampa post-qualifiche transalpine

Attesissimo su una pista dove ha fatto una grande gara nel 2018, Petrucci. “La qualifica è stata parecchio difficile, le condizioni della pista non erano molto chiare ed è stata buona la strategia che ha fatto la mia squadra, ossia uscire per primi e spingere dall’inizio”, prosegue il numero 9 che l’anno scorso a Le Mans centrò la piazza d’onore partendo dalla terza casella. “Non immaginavamo che le condizioni peggiorassero giro per giro. Per me è molto importante partire davanti, quest’anno le mie gare sono state buone ma sono dovuto partire sempre da dietro”, termina Petrucci, “Sono curioso di capire come posso gestire una gara partendo davanti”.

“Alla sono soddisfatto”, afferma Dovizioso che termina. “Con queste condizioni è più facile sbagliare che fare le cose bene. Non ho spinto nel momento giusto del turno ma come molti altri piloti. La strategia era di mettere le gomme giuste nella seconda uscita ma non ci siamo riusciti. Sul bagnato siamo abbastanza competitivi ma mi piacerebbe fare un Warm Up sull’asciutto per provare alcune cose che non siamo riusciti a testare oggi”.

Resta su motogp.com e vivi il GP SHARK Helmets de Francia. Segui la tua passione LIVE e OnDemand con il VideoPass!