Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
13 giorni fa
By Nick Harris

Spencer, un’irruzione memorabile annunciata dal Concorde

L’ex commentatore del MotoGP™ Nick Harris ricorda la brillante lettera di presentazione nel mondiale di Freddie Spencer nel 1980

Per gli appassionati britannici di motociclismo, il fine settimana di Pasqua significa solo una cosa: il Transatlantic Trophy. Gran Bretagna contro Stati Uniti, in tre piste tipicamente britanniche. Venerdì Santo a Brands Hatch, la domenica di Pasqua a Mallory Park e il lunedì di Pasquetta all’Oulton Park. Ad affollare i tre circuiti c’è sempre un’enorme folla desiderosa di assistere alla resa dei conti transatlantica con i campioni del mondo come Barry Sheene Kenny Roberts a capitanare le rispettive squadre. 

Freddie Spencer: i ricordi di un MotoGP™ Legend

Il Venerdì Santo del 1980 ha riassunto tutto questo alla perfezione. Una lunga coda di auto lungo la A20 a meno che non abbiate avuto la fortuna di andare in bicicletta, prima di raggiungere i parcheggi erbosi di Brands Hatch. Oltre 50.000 tifosi locali affollarono la pista di 4,2 km a sud di Londra per tifare Barry Sheene e la sua squadra impegnata a sfidare gli Yanks capitanati dal campione del mondo della 500cc, Kenny Roberts. Anche il sole splendeva. 

Mentre le squadre si preparavano per il primo Round tra il cigolio, il fumo e l’odore delle potenti moto a due tempi, tutti gli occhi si volgevano al cielo: la maestosa silhouette di un supersonico Concorde lasciava una scia bianca nel cielo blu mentre ruggiva verso New York dall’aeroporto londinese di Heathrow. Simbolicamente, quella scia bianca stava annunciando l’arrivo nella scena mondiale di un americano di 18 anni. Frederick Burdette Spencer era arrivato da Shreveport, Louisiana, e tutti stavano per scoprirlo. 

1

La leggenda di “Fast” Freddie Spencer

I tifosi applaudivano e sventolavano le loro bandiere mentre i piloti sul retro di un camion aperto completavano il giro d’onore prima di dare inizio allo spettacolo. Solo pochi lessero nel programma l’identità di un adolescente timido con un enorme numero otto sul retro della sua tuta bianca e blu. Erano contenti di averlo fatto. 

Nel frattempo nel paddock Erv Kanemoto stava riscaldando la sorprendente Yamaha 750cc argento con cui Freddie avrebbe corso per la prima volta fuori dal territorio americano. La squadra britannica e i tifosi locali avrebbero dovuto sentire un campanello d’allarme dopo che Freddie era stato il più veloce durante le prove, nonostante alcuni problemi elettrici. Tuttavia, nessuno era preparato a ciò poi sarebbe successo. 

Ci vollero solo tre giri perché Freddie, sul circuito ondulato di Brands, costrinse la folla a rivedere quei precisi orari per scoprire chi fosse il pilota in testa alla gara. Freddie scomparve nella campagna verde del Kent lasciando dietro di sé personaggi del calibro di SheeneRoberts Graeme Crosby a lottare per il secondo posto. 

Un’ora e mezza dopo, la folla era di nuovo pronta e Freddie non li deluse nella seconda gara. Guidò la corsa fin dall’inizio mentre tutti impazzivano alla leggendaria curva del Paddock HillRoberts Randy Mamola seguivano la sua scia ma fu il giorno della Yamaha d’argento e Freddie partì senza problemi per poi finire come vincitore. 

Appena 48 ore dopo il suo primo viaggio fuori dagli Stati Uniti d’America, Freddie era già lì. Tre titoli mondiali, 27 Gran Premi vinti e l’unico pilota ad aver affrontato contemporaneamente il Campionato del mondo in 250cc e in 500cc nella stessa stagione dimostrano che, quel giorno, avremmo dovuto prestare un po’ più d’attenzione alla scia bianca del Concorde che puntava verso gli Stati Uniti in quel soleggiato pomeriggio del Venerdì Santo di 40 anni fa. 

Vivi il meglio della stagione seguendo i test e i Gran Premi LIVE e OnDemand con il VideoPass!