Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
25 giorni fa
By motogp.com

Yamaha e Suzuki, pronte a sfidare il binomio Marquez-Honda

Viñales, Quartararo, Rossi e Rins mettono sul lavoro le proprie ambizioni prima di scendere in pista per il GP Red Bull de España

Al primo incontro, questa volta virtuale, con i giornalisti, Marc Marquez (Repsol Honda Team) Maverick Viñales (Monster Energy Yamaha MotoGP), Fabio Quartararo (Petronas Yamaha SRT), Alex Rins (Team Suzuki Ecstar), Valentino Rossi (Monster Energy Yamaha MotoGP), Jack Miller (Pramac Racing) e Pol Espargaro (Red Bull KTM Factory Racing) hanno battezzato l’inizio della stagione 2020 del MotoGP.

Questo fine settimana sarà all’insegna del #RacingForThem, un’iniziativa promossa dagli organizzatori per ricordare le vittime del Covid-19, tutte le persone che hanno combattuto in prima linea il virus e i colleghi del paddock che stanno lavorando da casa. Durante la conferenza stampa tutti i piloti hanno ribadito la loro voglia di tornare a competere e del grande desiderio di dare il massimo dopo quasi quattro mesi di una pausa non prevista. Viñales, Quartararo e Rins mettono in guardia gli avversari perché domenica sono pronti a dare il massimo. “È importante essere in forma ogni giorno, non solo in gara – puntualizza Maverick – Sarà importante migliorare il set-up della moto di pista in pista, abbiamo ancora bisogno di un po’ di velocità ma abbiamo fatto un importante passo avanti”.

Anche El Diablo spiega di essere pronto per una nuova stagione di competizioni: “Dopo tanto tempo senza guidare una MotoGP è stato divertente sentire la velocità. Non è stata una giornata facile perché la moto del 2020 l’abbiamo provata solo a Sepang e in Malesia. Ero in difficoltà nel primo turno perché è molto diversa rispetto a quella dell’anno scorso ma ieri ho visto che il potenziale della moto era davvero buono e dobbiamo adattarci il più velocemente possibile perché anche gli altri ragazzi sono molto veloci”.

“Penso che, come ha detto Maverick, la velocità massima sia qualcosa che dobbiamo ancora migliorare ma, onestamente, mi sento molto bene con la moto. C’è ancora qualcosa che dobbiamo aggiustare rispetto al prototipo dell’anno scorso. Per colmare il divario con Marc dovremo fare un ottimo lavoro perché sappiamo che è veloce ovunque e in ogni condizione, quindi dovremo adattarci velocemente” conclude il francese.

Anche Rins dice di essere in forma più di sempre: “Siamo migliorati molto rispetto all’anno scorso. La nostra moto è cambiata molto, quindi ringrazio i ragazzi della Suzuki per il lavoro svolto in Giappone, per il nuovo telaio e il nuovo motore. Il pre-campionato è stato abbastanza buono, abbiamo molta fiducia nella moto e penso di essere preparato come non mai”. Lo spagnolo ricorda il calo di prestazioni accusato nella seconda metà di stagione l’anno scorso ma adesso quei problemi sono stati risolti: “Durante l’inverno ho lavorato duramente per migliorare la consistenza quindi cercherò di lottare per ottenere il massimo risultato possibile ad ogni appuntamento”.

Tutte buone notizie per i costruttori e sopratutto per gli appassionati che avranno la possibilità di seguire un campionato avvincente e con numerosi protagonisti in grado di vincere delle gare. Tuttavia, non sarà così semplice. Marc Marquez e la Honda hanno fatto i conti con delle difficoltà per gran parte dei test invernali ma dopo l’ultimo test a Jerez, il #93 ha ritrovato la sintonia di cui ha bisogno per essere competitivo: “È bello tornare alla vita normale con le gare del MotoGP™. Ieri è stata una giornata importante per tornare in moto e perché avevo concluso il pre-stagione con qualche dubbio riguardante la parte tecnica e sulla mia condizione fisica ma ieri tutto è stato risolto. Ora sono sicuro di essere in forma e posso correre come voglio”.

“Nei test invernali ho faticato molto. Dal punto di vista tecnico, nelle ultime ore del test in Qatar abbiamo fatto un grande passo avanti e ieri abbiamo riconfermato il feeling che avevamo nel 2019 e questo è stato davvero importante - afferma il pilota di Cervera - Ora è il momento riprovare tutte le cose che abbiamo usato nei test invernali, alcune novità, quindi non vedo l’ora di tornare in sella domani e di continuare a correre”.

Marc Marquez contro le Yamaha e le Suzuki. È una prospettiva che fa venire l’acquolina in bocca. Il 2020 sta per tornare in azione il primo appuntamento in pista col MotoGP™ è alle 09:55 (GMT+2) per la FP1 ma per seguire gli appuntamenti con la Moto2™, Moto3™ e MotoE™, dai un’occhiata qui al programma completo! 

Segui tutte le sessioni, guarda le interviste esclusive, le gare che hanno fatto la storia e tanti altri fantastici contenuti: tutto col VideoPass!