Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
19 giorni fa
By motogp.com

Michelin precisa come avviene l’assegnazione al GP di Doha

In seguito ai commenti di Joan Mir, il fornitore di pneumatici spiega il metodo con cui si assegnano le gomme preriscaldate ai team

Le dichiarazioni fatte da alcuni piloti, tra cui il Campione del mondo in carica della MotoGP™, Joan Mir (Team Suzuki Ecstar), sulla riassegnazione degli pneumatici preriscaldati al TISSOT Grand Prix of Doha, hanno visto il fornitore unico di pneumatici Michelin intervenire per chiarire alcuni dettagli.

1

Il piano di Michelin per il GP MEO de Portugal

Quelli preriscaldati sono pneumatici che sono stati dati alle squadre già lo scorso fine settimana e mantenuti negli scaldagomme durante il Gran Premio del Qatar ma senza essere utilizzati. In questo caso, gli pneumatici vengono poi restituiti a Michelin, ovviamente raffreddati, prima di essere assegnati nuovamente alle squadre e sottoposti a un altro ciclo di riscaldamento.

“Oggi è stato un po’ difficile perché avevamo gomme che erano state precedentemente riscaldate e anche alcune gomme nuove. Hanno giocato un ruolo importante nelle FP2 - ha detto Mir al termine del venerdì a Losail e, come altri piloti, sostiene che le gomme preriscaldate offrano meno prestazioni rispetto ad un set nuovo di zecca.

Mir: “Sarà dura” scamperà alla Q1?

Michelin, tuttavia, ha chiarito la situazione rispondendo alle domande che vi proponiamo di seguito:

Perché ci sono pneumatici preriscaldati?

“Si tratta di pneumatici che sono stati assegnati a una squadra ma non sono stati utilizzati ma, una volta a disposizione del team, sono stati avvolti dalle coperte termiche e la temperatura a cui vengono mantenute è di circa 90°. Poiché gli pneumatici non sono stati utilizzati, sono stati restituiti a noi (come è normale prassi) e poi riassegnati per l’evento successivo”.

Questo influisce sulle prestazioni dei pneumatici?

“Abbiamo fatto dei test approfonditi sui nostri pneumatici che sono stati tenuti in questo stato di pre-riscaldamento, e abbiamo visto come lo sbalzo di temperatura non influisca negativamente sulle prestazioni. I nostri tecnici controllano attentamente e registrano il tempo che ogni singolo pneumatico trascorre nei riscaldatori, ciò ci assicura che nessuna gomma venga tenuta in riscaldamento per un tempo vicino al limite massimo. Per sostegno di questa testi, ieri Jorge Martin ed Enea Bastianini hanno fatto i loro giri più veloci durante le FP2 con gomme preriscaldate”.

Miller abbandona le difficoltà e torna in testa

È un caso unico per il Qatar?

“No, ma a causa del numero di test pre-gara e dei due weekend di gara consecutivi su questa pista, è diventato molto più evidente”.

Tutte le squadre hanno ricevuto le gomme preriscaldate e quali gomme?

“Sì, tutte le squadre hanno ricevuto la stessa quantità di pneumatici preriscaldati e potrebbe essere qualsiasi tipo di pneumatico: morbida, media o dura”.

Segui tutte le sessioni, guarda le interviste esclusive, le gare storiche e tanti altri fantastici contenuti: tutto col VideoPass!