Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
8 giorni fa
By motogp.com

Perché il test a Jerez è così importante per Honda?

I piloti della casa alata intendono approfittare di questa giornata capire cosa serve per riportare la RC213V alla vittoria quanto prima

Pol Espargaro (Repsol Honda Team) aveva grandi aspettative per il suo debutto in HRC. Tuttavia, nel corso delle prime quattro gare, i risultati non sono stati molto convincenti o almeno non ai suoi occhi. Dopo un incoraggiante ottavo posto al suo primo Gran Premio, il catalano non ha fatto meglio di 13° e a Portimão è stato costretto al ritiro. Al Circuito de Jerez-Angel Nieto è arrivato 10° al traguardo a più di 11 secondi dal vincitore.

GRATIS: I dettagli del Gran Premio Red Bull de España

Durante l’intervista post gara era comprensibile la delusione sul volto del #44: “Non ho trazione, non posso girare e la nostra velocità non è buona - ha spiegato - Per quanto mi sforzi, il ritmo non arriva. Quindi cerco di compensare frenando il più tardi possibile”. E poi continua spiegando che gli risulta difficile individuare la causa dei problemi quando ogni pilota del marchio usa un pacchetto radicalmente diverso.

Nakagami migliora ancora e cerca il podio

“Non so se sto facendo la cosa giusta, se il problema è la moto, il mio stile di guida o il pacchetto che sto usando. Sono un po’ confuso e sento esattamente la stessa confusione che in questo momento c’è all’interno del marchio - ha ammesso - Essendo nuovo, non ho potuto testare molte cose, non ho punti di riferimento, quindi non so cosa dire”.

“Vedremo cosa mi chiederanno di testare per migliorare la situazione generale, nel frattempo, penso che stiamo lavorando troppo individualmente perché tutti abbiamo pacchetti diversi e questo è dannoso per il gruppo” ha aggiunto.

Marquez, il test a Jerez è vitale per risolvere i problemi

L’obiettivo della giornata sarà quello di risolvere alcune perplessità per ottenere un quadro più chiaro della situazione. Nel frattempo Pol Espargaro non è l’unico a lamentarsi. Takaaki Nakagami (LCR Honda Castrol) sembra muoversi nella giusta direzione col suo telaio 2020, come dimostra il suo quarto posto in gara, ma Marc Marquez (Repsol Honda Team) ha ammesso che ci sono ancora problemi, indipendentemente dal fatto che lui stesso non è ancora al 100% della forma fisica.

“Dove perdiamo di più è al centro curva - ha esordito l’otto volte campione del mondo, nono al traguardo - È lì che dobbiamo migliorare se vogliamo essere veloci e consistenti. Dobbiamo capire perché, analizzando i dati più da vicino. Spero di essere abbastanza in forma domani quando mi sveglierò per fare alcuni giri e provare alcune cose [...] Ora sono in grado di farlo. Cominceremo a vedere cosa hanno fatto l’anno scorso, cosa avevano, cosa abbiamo e cosa sta succedendo per trovare un compromesso”.

Quindi questa è la tabella di marcia per i piloti Honda che sperano di migliorare nel corso di questa stagione. Al momento, il suo primo rappresentante Takaaki Nakagami è 11° nella classifica generale del Campionato del mondo. Pol Espargaro, Marc Marquez e Alex Marquez (LCR Honda Castrol) hanno ottenuto punti solo in un round e sono rispettivamente 14°, 15° e 18°. Stiamo a vedere come evolverà la situazione in casa Honda.

Segui tutte le sessioni, guarda le interviste esclusive, le gare storiche e tanti altri fantastici contenuti: tutto col VideoPass!

Consigliati