Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
8 giorni fa
By motogp.com

Perché Marquez è tornato alla RC213V che conosce meglio?

Il nostro inviato analizza le differenze sulle moto usate dall’otto volte campione del mondo nelle ultime settimane

Al termine del Gran Premio di Spagna, Marc Marquez (Repsol Honda Team) ha ammesso di non sentirsi del tutto a suo agio sulla sua RC213V 2021. Durante il test ufficiale a Jerez, l’inviato di motogp.com, Simon Crafar, ha notato che la moto del #93 presentava alcuni componenti familiari.

“Da quando Marc è tornato è salito in sella a quella che è la moto base di Honda adesso, perché tutti e tre i suoi i piloti, tranne Alex Marquez, stanno usando il telaio in alluminio con l’inserto in fibra di carbonio - ha spiegato Crafar nel venerdì del GP di Francia - Perché questi tre piloti, tranne Alex Marquez, hanno scelto per entrambe le moto l’ammortizzatore posteriore e il linkage che hanno sviluppato l’anno scorso, o che hanno scelto a partire da Misano in poi, accorgimenti che sembrano dare un migliore grip al posteriore, questa è la soluzione che ha provato Marc”.

“Sembra che con la forcella in questa posizione, abbiano meno peso all’anteriore, questa era la base per Bradl e per tutti gli altri. Così, Marc è salito su quella moto e l’ha guidata. Non essendo al massimo della forma, è stato difficile per lui dare un feedback. È difficile scegliere la propria linea finché non si raggiunge la massima velocità. Più si va veloce, più chiaro sarà la descrizione delle sensazioni in moto”.

Alla fine, Marc Marquez ha completato solo sette giri al test di Jerez a causa della sua comprensibile rigidità del braccio destro e della spalla affaticati da tre giorni sulla pista andalusa. Tuttavia, almeno una delle moto che Marquez aveva a disposizione presentava maggiori similitudini con quella usata prima dell’infortunio. E a Le Mans, su una delle sue RC213V ha sfoggiato alcune delle vecchie impostazioni, di quelle con cui si trovava a proprio agio.

“Abbiamo sentito Marc fare alcuni commenti alla stampa dopo la sua prima gara, dicendo che a Jerez non sentiva completamente sua la moto” ha continuato Crafar gettando a quel punto il suo occhio esperto su tutte le moto presenti sulla pit-lane.

I piloti commentano l’inizio dello SHARK GP de France

“Non ho visto la moto base di Marc fino al lunedì del test di Jerez. Lì il telaio non era in fibra di carbonio e, se ricordo bene, aveva l’ammortizzatore posteriore dell’anno scorso. Questo è anche quello che ho visto durante la FP1 e la FP2 a Le Mans. Nel secondo turno di libere è tornato a quella che credo essere la sua vecchia moto e le sue vecchie impostazioni”.

“Non ha avuto molte possibilità perché è andato fuori pista ma è finito col saltare di nuovo in sella alla moto che gli altri piloti Honda hanno sviluppato fino ad ora. Quindi, o ha intenzione di provare di nuovo le novità, o pensa che quello che hanno sviluppato sia meglio. Questo è quello che ho visto fino ad ora e sono impaziente di scoprire che cosa userà in FP3. Ma il resto del fine settimana potrebbe svolgersi sul bagnato, quindi questo test potrebbe continuare al Mugello”.

GRATIS: SHARK Grand Prix de France, il meglio della FP2

Lo stesso Marc Marquez ha ammesso che lui e la Honda sono tornati a ciò che conoscono meglio dopo il primo giorno dello SHARK Grand Prix de France confermando ciò che Crafar aveva individuato in pit-lane già al test di Jerez, quando scovò alcune parti del suo vecchio pacchetto. Quali sono le differenze che il nostro inviato ha individuato? Il cuscinetto dello sterzo è in una posizione leggermente diversa, un po’ più lontano, il che significa che c’è meno peso sulla parte anteriore della moto. Il perno del forcellone è più basso, questo significa che c’è meno forza della catena e, di conseguenza, mette meno carico sulla gomma posteriore quando apre il gas. Inoltre, una delle moto di Marquez ha un modello precedente di ammortizzatore posteriore Öhlins, non l’ultimo disponibile.

L’otto volte campione del mondo è indubbiamente uno dei più grandi piloti che il motociclismo abbia conosciuto. Prima della frattura dell’omero destro al GP di Spagna del 2020, la sua fiducia era alle stelle e il suo incredibile talento gli ha permesso di aggirare i problemi con cui la HRC ha fatto i conti nel corso di questi anni. Come spiega Crafar, quando torni dopo un grande infortunio, ci vuole tempo per ritrovare la stessa fiducia, anche se sei Marc Marquez.

“Abbiamo visto tutti cosa stava facendo – ricorda il nostro inviato riferendosi alla prima gara di Marquez del 2020 - Era impressionante, uno dei piloti più incredibili che abbia mai visto. Ma quella moto non era ovviamente perfetta perché nessun altro sulla Honda poteva fare quello che faceva lui, gli altri erano sempre in difficoltà” ha continuato Crafar.

“Nel frattempo, Marc pur facendo solo quello che è in grado di fare, stava affrontando dei problemi. Voglio dire che ha perso l’anteriore al GP di Spagna prima di avere quell’incidente dove si è poi fatto male. Era estremamente fiducioso e quando sei così fiducioso, puoi aggirare i problemi e fare cose incredibili. Personalmente ho avuto modo di farlo solo per un breve periodo ma Marc lo ha fatto per anni” sottolinea il vincitore di un Gran Premio in 500cc.

Pol Espargaro: “Il lavoro del test sta dando dei risultati”

“Ma quando ti fai male e torni, devi passare attraverso un periodo di ricostruzione della fiducia ed è quello che penso che stia facendo ora Marc. Anche se salisse sulla sua vecchia moto esattamente come ha fatto nel 2020, sarebbe difficile per lui oltrepassare i problemi come faceva prima. Per quanto sia brillante, ora farà i conti con i limiti che tutti gli altri piloti accusano sulla Honda, quelli che prima poteva superare”.