Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
11 giorni fa
By motogp.com

Marquez tornerà alla vittoria nel suo fortino?

Vincitore di 10 gare su 10 al Sachsenring, lo spagnolo dovrà affrontare rivali agguerriti come Quartararo, Mir, Zarco e Oliveira

Dopo un fine settimana di pausa, il paddock della MotoGP™ si dirige in Germania, al Sachsenring, una delle tappe che nel 2020, a causa della pandemia, non ha ospitato il Campionato. Sfogliando gli annuari, si nota come Marc Marquez (Repsol Honda Team) possa considerarsi il padrone di casa viste le 10 vittorie consecutive conquistate dal 2010, quando era impegnato in 125cc, al 2019 quando conquistò l’ottava corona mondiale.

La pista sinistrorsa si adatta bene alla Honda che ha vinto in sette occasioni con Dani Pedrosa, Valentino Rossi, Sete Gibernau e Max Biaggi assicurandosi il 78% delle vittorie nell’era MotoGP™.

Al momento, la situazione della casa alata è delicata, come dimostra la classifica del GP della Catalogna dove il suo primo rappresentante è stato Alex Marquez (LCR Honda Castrol), 11° al traguardo. Per quanto riguarda l’otto volte campione del mondo, non ha ancora recuperato del tutto la sua forma fisica, anche se ha già fatto dei progressi significativi nonostante le tre cadute consecutive in gara. Dovrà ricalcolare i propri limiti?

Quartararo arriva in Germania da leader: sarà il favorito?

Chi potrebbe essere il nuovo re del Sachsenring? In cima alla lista ci sembra doveroso piazzare il capolista, Fabio Quartararo (Monster Energy Yamaha MotoGP). Il francese non ha mai vinto in Germania e non ha mai goduto della vista dal podio ma, con le tre vittorie in tasca, El Diablo tenterà l’allungo.

Come si comporteranno le Ducati?

La casa di Borgo Panigale piazza un trio d’eccellenza composto da Johann Zarco (Pramac Racing), Jack Miller (Ducati Lenovo Team) e Francesco Bagnaia (Ducati Lenovo Team) che si trovano rispettivamente al secondo, terzo e quarto posto in classifica. Certo, quella tedesca non è una pista dove Ducati possa vantare grandi successi visto che negli ultimi dieci anni ha ottenuto solo due podi, l’ultimo dei quali porta la firma di Casey Stoner nel 2008. Ma è bene ricordare che quest’anno le Desmo hanno già smentito tendenze del passato come la vittoria a Jerez o a Le Mans, piste dove Jack Miller è stato il primo a tagliare il traguardo in condizioni atmosferiche molto diverse e dove Ducati non era considerato il costruttore candidato alla gloria.

Mir e Viñales mantengono la guardia alta

Al quinto posto provvisorio della classifica troviamo il campione in carica Joan Mir (Team Suzuki Ecstar) seguito dal connazionale Maverick Viñales (Monster Energy Yamaha MotoGP). Pur avendo un discreto distacco dalla vetta, il primo ha 78 punti e il secondo 75 dal capolista, i due spagnoli sono due potenziali minacce per la caccia al titolo e soprattutto per la vittoria in Germania. Top Gun si è assicurato un posto tra i primi tre sia nel 2018 che nel 2019.

KTM è tornata a vincere e Aprilia cerca la top 5

Miguel Oliveira (Red Bull KTM Factory Racing), vincitore inaspettato in Catalunya, è passato dal 20° al settimo posto in classifica in sole due gare. Aleix Espargaró (Aprilia Racing Team Gresini), che sperava di conquistare un risultato d’eccellenza in occasione della sua gara di casa, si trova tra le due RC16, preceduto dal portoghese e seguito da Brad Binder, attualmente al nono posto. Visto il rendimento di questi ultimi due appuntamenti, c’è grande interesse intorno ai risultati che potranno ottenere gli alfieri KTM su una pista dove hanno meno esperienza rispetto ad altre del calendario.

Gli italiani vogliono il podio

Non sono state settimane facili per Franco Morbidelli (Petronas Yamaha SRT) che si dirige in Germania col 10° posto in classifica generale e la voglia irrefrenabile di tornare nella parte alta della classifica.

I nostri rookie, Enea Bastianini (Avintia Esponsorama), Luca Marini (SKY VR46 Avintia) e Lorenzo Savadori (Aprilia Racing Team Gresini), esordiranno con le MotoGP™ al Sachsenring, e sarà un po’ una prima volta anche per Danilo Petrucci (Tech 3 KTM Factory Racing) che affronterà la sfida con la KTM. Mentre Valentino Rossi (Petronas Yamaha SRT) tornerà alla carica su una pista dove nel 2018 ha ottenuto il secondo posto.

L’appuntamento con i protagonisti della classe regina è per venerdì 18 giugno alle 9:55 (CET). Siete pronti per lo spettacolo?