Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
3 giorni fa
By Honda Racing

Puig: “Il Marc che conosciamo” è tornato ad Assen

Il team manager della Repsol Honda elogia l’otto volte campione del mondo che al TT ha recuperato 13 posizioni in gara

Dopo il giubilo per il ritorno sul gradino più alto, per la prima volta in 581 giorni al Sachsenring, Marc Marquez e il suo Repsol Honda Team non hanno tirato un sospiro di sollievo e un sorriso al termine del venerdì al Motul TT Assen, dopo che il #93 non ha riportato conseguenze dal colossale highside alla curva 11.

Marquez ammette che aveva il “Potenziale per il podio”

Malconcio e indolenzito, lo spagnolo ha ammesso che è stata una “fortuna” uscire relativamente illeso dalla caduta e ha riconosciuto che la Honda ha avuto problemi con l’elettronica. Non sapere perché si sia verificato un incidente è un vero e proprio incubo per i piloti ed è esattamente il caso di Marquez e di Honda di venerdì.

Sabato, un incidente in Q1 ha visto l’otto volte campione del mondo ottenere il suo peggior risultato nelle qualifiche MotoGP™: è scattato dalla 20° posizione. Dopo le prove e le sofferenze degli ultimi 11 mesi, si sarebbe perdonato a Marquez di stare un po’ tranquillo domenica.

OnBoard: Marquez, al primo giro recupera otto posizioni

Invece, come sappiamo, non è stato così. Guadagnando otto posizioni al primo giro, Marquez si è portato presto nella battaglia della top 10. Aleix Espargaro (Aprilia Racing Team Gresini) e Francesco Bagnaia (Ducati Lenovo Team) non riuscivano a scrollarsi di dosso un determinato Marquez e il trio era racchiuso in soli tre decimi sotto la bandiera a scacchi: Bagnaia 6°, Marquez 7°, Aleix Espargaro 8°.

Riflettendo sul Motul TT Assen, Alberto Puig, Repsol Honda Team Manager, ha ammesso che lui e la squadra sapevano che la tappa olandese sarebbe stata una storia diversa dal weekend del Sachsenring. Ma domenica pomeriggio abbiamo visto un’eclissi del Marc Marquez che tutti conosciamo.

“Sì, il Sachsenring è una pista molto adatta alla Honda e anche a Marquez. Lì Marc ha avuto la possibilità e l’ha afferrata con entrambe le mani – spiega Puig - In passato Assen non è mai stata una pista facile come questa, ed è stata molto più dura per tutti i piloti Honda HRC. Abbiamo chiaramente capito che non sarebbe stato facile prima di arrivare”.

“Venerdì, la caduta di Marc ha reso il weekend ancora più complicato. Senza quell’incidente, penso che avrebbe lottato per il podio perché non avrebbe perso la fiducia che aveva. La Honda e tutta la squadra hanno cercato di reagire e superare questo problema, ma non è abbastanza. Ora è il momento di riposare e prepararsi bene per la seconda parte della stagione”.

Marquez racconta l’highside fatto durante la FP2

“In ogni caso, abbiamo visto un grande recupero di Marc all’inizio della gara. È partito 20° e ha recuperato quasi 10 posizioni in un solo giro, questo era il Marc che conosciamo. Mostra il suo sforzo e il potenziale che ha, non vediamo l’ora di rivederlo in Austria dopo la pausa quando avrà recuperato ancora di più”.

Ora, un po’ di prezioso tempo di riposo per HRC e tutto il paddock prima di tornare in azione al Gran Premio di Stiria il 6-8 agosto.

Consigliati