Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
29 giorni fa
By motogp.com

Marquez difende il primo tempo per 15 millesimi

Lo spagnolo è il più veloce del venerdì al COTA ma Miller è a un soffio. Quartararo è terzo, sesto Bagnaia davanti al duo Pramac

Il Circuit Of The Americas torna ad ospitare le stelle del Campionato del Mondo. Il primo giorno di libere del Red Bull Grand Prix of the Americas vede Marc Marquez () terminare in testa alla classifica dei tempi con un crono da 2:04.164 appena 15 millesimi di secondo più veloce rispetto a Jack Miller (Ducati Lenovo Team) che firma il miglior tempo con entrambi gli pneumatici morbidi. Terzo tempo provvisorio per il leader del campionato Fabio Quartararo (Monster Energy Yamaha MotoGP) che, come il primatista del venerdì, firma il proprio miglior passaggio con la dura all’anteriore e la morbida al posteriore.

Honda alla riscossa

Oltre al già citato Marquez in testa alla classifica dei tempi, la casa alata vede tre dei suoi quattro piloti assicurarsi un posto in top 10. Autore del quarto miglior tempo di giornata, Pol Espargaro () è a meno di quattro decimi dal suo compagno di box mentre Takaaki Nakagami (LCR Honda Idemitsu) è quinto dopo aver occupato per alcuni istanti il primo posto della classifica dei tempi.

Le Ducati puntano in alto

Con Miller al secondo posto e Francesco Bagnaia (Ducati Lenovo Team) in piena lotta per il titolo, la casa di Borgo Panigale vuole giocarsi bene le sue carte. Il COTA vanta il rettilineo più lungo tra le piste che ospitano il campionato, un’occasione d’oro per sfoggiare tutta la potenza Desmo. Pecco termina il venerdì col sesto tempo seguito dal duo del Pramac Racing Jorge Martin e Johann Zarco, in pista dopo essere stato operato alle braccia per la sindrome compartimentale. Enea Bastianini (Avintia Esponsorama) è decimo preceduto da Alex Rins (Team Suzuki Ecstar) mentre Luca Marini (SKY VR46 Avintia) è 12°.

Spazio alla classe regina per la FP1 al COTA

FP2 con un finale concitato

A sette minuti dal termine la sessione è entrata nel vivo. Molti piloti hanno optato per la gomma morbida al posteriore per cercare di migliorare il proprio riferimento. Si sono alternati il comando della classifica dei tempi Nakagami poi Miller, Bagnaia, Quartararo che sembrava ormai il leader del turno fino a 30 secondi dal termine, quando Marquez ha migliorato il tempo dell’australiano per un soffio.

Da scheriffo a giudice. La sentenza di Marquez

Il venerdì per gli azzurri

Andrea Dovizioso (Petronas Yamaha SRT) continua il suo adattamento alla Yamaha dimostrando un ottimo ritmo che lo vede sfiorare la top 5 nella FP4 per poi concludere col 14° tempo della combinata. Segue il forlivese Franco Morbidelli (Monster Energy Yamaha MotoGP) ancora alle prese col recupero del suo ginocchio riesce a concludere due turni interessanti su una pista molto esigente a livello fisico. Valentino Rossi (Petronas Yamaha SRT) è 17° mentre Danilo Petrucci (Tech 3 KTM Factory Racing) è 19°.

I piloti della classe regina torneranno sulla pista texana sabato per l’ultimo turno di libere al via alle 09:55 locali (16:55 italiane).

I primi 10:

1. Marc Marquez (Repsol Honda Team) – 2:04.164
2. Jack Miller (Ducati Lenovo Team) + 0.015
3. Fabio Quartararo (Monster Energy Yamaha MotoGP) + 0.202
4. Pol Espargaro (Repsol Honda Team) + 0.388
5. Takaaki Nakagami (LCR Honda Idemitsu) + 0.448
6. Francesco Bagnaia (Ducati Lenovo Team) + 0.499
7. Jorge Martin (Pramac Racing) + 0.513
8. Johann Zarco (Pramac Racing) + 0.559
9. Alex Rins (Team Suzuki Ecstar) + 0.638
10. Enea Bastianini (Avintia Esponsorama) + 0.672