Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
10 ore fa
By motogp.com

Quali novità abbiamo visto nel Test di Jerez?

La Honda versione 2022, il nuovo grande scarico di Ducati e il telaio di Suzuki sono stati protagonisti al Circuito de Jerez - Angel Nieto

Un'affascinante due giorni di pista al test ufficiale di Jerez ha dato il via alla stagione 2022 con un sacco di innovazioni tecniche in mostra. Ci sono un sacco di punti di discussione in cui affondare i denti, quindi ecco un tech round-up delle cose principali che abbiamo visto da ogni produttore.
Honda
Sono stati due giorni enormi per HRC giù a Jerez, dopo quella che è stata un'altra stagione sotto la media nel 2021. Nonostante la battuta d'arresto dell'assenza di Marc Marquez, nel complesso sembra che la Honda abbia trovato un po' di quello che stava cercando quando ha presentato la sua moto 2022. Il motore, il telaio, gli scarichi, la sella e il codone, il pacchetto aerodinamico, le carenature sono tutti nuovi e, per la prima volta, abbiamo visto Honda equipaggiare una moto con un ammortizzatore di massa nella parte posteriore.
Il prototipo RC213V era certamente sotto esame, ma si è comportato bene, Takaaki Nakagami (LCR Honda Idemitsu) è arrivato secondo più veloce in assoluto.
Quindi cosa significa tutto questo? Beh, nel complesso sembra che l'obiettivo principale della Honda era la ricerca di aderenza, e l'hanno trovata. La più grande debolezza della Honda negli ultimi anni è stata la presa posteriore, sia in entrata, in mezzo alla curva o in uscita. Il grip posteriore è stato carente in tutte le aree. Una delle chiavi per trovare questo grip è il loro cambiamento nel modo in cui montano il loro motore.
(Foto qui)
Potete vedere i bulloni di montaggio del motore sopra e sotto il perno del forcellone sul telaio qui. Notate come quello sotto sporge in avanti dal telaio e quello sopra il perno del forcellone sta indietro nel mezzo della trave del telaio. Sulla moto su cui si basa questa moto, questo è molto diverso.
Qualcosa che era anche molto diverso era lo scarico superiore, che ora esce di lato e ha una valvola meccanica. La valvola può essere aperta e chiusa in certi momenti per aiutare la frenata del motore aumentando la coppia negativa quando la valvola viene chiusa.
Foto qui
Ducati
Con otto moto in griglia nel 2022, anche la Ducati è stata molto impegnata nei due giorni di test. Tra la pletora di kit testati c'era uno scarico più lungo che potrebbe essere utilizzato per trovare la coppia più in basso nella gamma di giri nel tentativo di rendere la notevole potenza della Desmosedici più utilizzabile.
(Foto dello scarico)
C'è stata anche un'evoluzione del dispositivo per l'holeshot anteriore. Come potete vedere nella foto qui sotto, la lama si trova dietro la gamba della forcella. Quindi, non solo hanno aggiornato l'hardware attuale, ma hanno aggiornato la leva per attivarlo, dato che non è più uno dei dadi ad alette che si trova sulla pinza tripla superiore.
Foto qui
Altrove, Ducati ha continuato a lavorare su una carenatura vista ai test di Misano, così come una diversa presa d'aria e un pacchetto aerodinamico. Non abbiamo visto la moto 2022 in azione e dovremo aspettare il test di Sepang a febbraio per dare il nostro primo sguardo.
Yamaha
Yamaha continua a sviluppare il suo telaio 2022 con saldature sperimentali che mantengono le stesse differenze nella zona dove sono i ritagli, ma ora ha anche molte saldature aggiuntive rispetto a prima. Sembra che Yamaha stia cercando di trovare più forza in certe aree con la speranza di migliorare il grip posteriore e ridurre i loro problemi all'anteriore.
Foto qui
La fabbrica di Iwata ha anche provato una nuova carenatura più rotonda. Sull'attuale carenatura, appena sopra le ali aerodinamiche, la carenatura ha una piccola sezione concava dove taglia verso l'interno, ma ora, con questa nuova versione, è molto più liscia e rotonda e non taglia più verso l'interno.
Foto qui
Aprilia
Come la Ducati, l'Aprilia non ha portato la sua moto 2022 a Jerez, ma aveva un nuovo scarico da provare. Simile nel design, e nel feeling secondo Maverick Viñales (Aprilia Racing Team), alla versione attuale, la differenza principale è una punta tagliata.
Foto qui
Oltre a un telaio diverso, la fabbrica di Noale ha anche provato tre pacchetti aerodinamici, due dei quali avevano ali più piccole di quelle utilizzate nella stagione 2021.
Suzuki
La Suzuki sembra essersi concentrata sulla ricerca del telaio giusto per il 2022, e si è vista testarne uno che era già stato visto al Misano Test e al GP delle Americhe, anche se non si è corso al COTA. Joan Mir e Alex Rins (Team Suzuki Ecstar) hanno entrambi affermato che ha aiutato la stabilità in frenata, permettendo loro di frenare più forte e più tardi, un passo positivo nel ridurre uno dei punti deboli della GSX-RR.
KTM
Alla KTM, la più grande differenza sulla RC16 era un nuovo enorme pacchetto aerodinamico visto per la prima volta a Misano. Un dettaglio interessante è il bordo posteriore dell'elemento sulla carenatura laterale, si può vedere che è in qualche modo dentellato, proprio come la carenatura anteriore della KTM. Le dentellature sono progettate per lavorare come generatori di vortici, aiutando a lisciare l'aria che esce dal bordo posteriore dell'elemento aerodinamico, riducendo la resistenza e riducendo il buffeting sul pilota
Foto qui
Con tutte le ultime innovazioni tecnologiche del team in mostra, è stato certamente un paio di giorni interessanti nel sud della Spagna, e se siete interessati a continuare la conversazione, allora controllate la nostra pagina Facebook dedicata esclusivamente alla MotoGP™ Tech qui!

Segui tutte le sessioni, guarda le interviste esclusive, le gare storiche e tanti altri fantastici contenuti: tutto col VideoPass!