Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
16 giorni fa
By motogp.com

Quartararo fa la storia: arriva il grido della vittoria!

Il francese centra l’obiettivo che stava diventando un’ossessione. È primo al traguardo davanti a Viñales e ad uno strepitoso Dovi

Il sogno diventa realtà. Fabio Quartararo (Petraonas Yamaha SRT) scatta dalla pole position, perde alcune posizioni ma resta nel gruppo dei primi cinque, aspetta il momento giusto, torna al comando della corsa, sfrutta a suo vantaggio le mancanze degli avversari e scappa in una vittoria in solitaria.

El Diablo è in gran forma e consolida il lavoro iniziato nel 2019 fin dal pirmo Gran Premio del 2020. Lo segue il suo futuro compagno di squadra Maverick Viñales (Monster Energy Yamaha) e ad un Andrea Dovizioso (Ducati Team) in gran forma nonostante l’operazione subita alla spalla due settimane fa dopo un incidente avuto durante una gara di cross.

MotoGP™: che il GP Red Bull de España inaugura il 2020

Era dal 1999, anno in cui Quartararo è nato, che un francese non slaiva sul gradino più alto del podio della massima categoria. Il pilota di Nizza scatta dalla prima casella dello schieramento, è notevole la partenza di Viñales che vede il futuro compagno di squadra scivolare in quarta posizione a vantaggio di Miller veloce e preciso nell’aprire il gas una volta spentosi il semaforo.

Al secondo giro Viñales è il più veloce in pista ma deve difendersi dagli attacchi di Marquez che alla curva 13 riesce a superare il rivale prendendo il comando della corsa. Lo spagnolo della Yamaha scegli di stare alle spalle del campione del mondo in carica ma non lo lascia scappare.

Un fine settimana da dimenticare per il Suzuki Ecstar. Domenica mattina viene confermata l’assenza di Alex Rins infortunatosi al termine delle qualifiche, poi, ad inizio gara Joan Mir finisce a terra senza poter tornare in pista.

Nel frattempo, Marquez va largo alla curva 4 durante il quinto giro e dever ripartire dalla 16° posizione facendo un salvataggio limite e lasciando il comando della gara al rivale storico: Viñales.

Al termine del sesto giro Quarta entra su Miller alla spettacolare curva 13 così che il francese si prende la seconda posizione davanti alle Ducati di Miller, Bagnaia e Dovizioso, scattato dall’ottava piazza al via. Pol Espargaro (Red Bull KTM Factory Racing), in sesta posizione, è davanti a Franco Morbidelli (Petronas Yamaha SRT) e a Valentino Rossi (Monster Energy Yamaha MotoGP).

Un minuto di silenzio per le vittime del Covid-19

Dopo un fine settimana in ombre, Miguel Oliveira (Red Bull KTM Tech 3) balza in nona piazza e tra il portoghese e il suo compagno di squadra, Iker Lecuona, si piazza Danilo Petrucci (Ducati Team) quando dal fondo dello schiermento risale Marquez che supera il rookie mettendo il ternano nel mirino.

Viñales va largo e riduce il vantaggio da Quartararo da otto a zero decimi, così ne approfitta Miller per ridurre il distacco dai rivali che lo precedono. All’inizio del 10° giro lo spagnolo va largo un’altra volta vedendosi superare da El Diablo che passa così in testa mentre Jackass si accomoda in seconda posizione.

Nonostante l’errore commesso alla curva 4, Marquez riparte alla carica e colleziona sorpassi fino a prendersi l’ottava posizione trovandosi ben presto alle spalle di Pol Espargaro (Red Bull KTM Factory Racing ) e di Dovizioso impegnati a contendersi il quinto posto. Dopo aver messo a basa il pilota di Granollers, Dovi supera anche Bagnaia mentre Marquez prende il posto del suo futuro compagno di squadra passando ad avere sei secondi da Quarta che resta al comando della gara.

La telemetria e l’OnBoard della caduta di Marquez

Marquez entra con decisione su Morbidelli con un sorpasso chirurgico e che allunga prendendosi anche la posizione di Bagnaia e assicurandosi così il quinto posto. Essere stato superato dall’otto volte iridato da una scarica di adrenalina a Morbido che reagisce superando prima Pecco e poi si mette all’inseguimento di Marc.

A sette giri dal termine della cosa Rossi è costretto ad abbandonare la gara, non è ancora chiaro se si sia trattato di un problema tecnico o di pneumatici. Nel frattempo Marquez è sempre più vicino a Dovizioso che verte in zona podio. Mentre Maverick e Miller entrano in bagarre quando Marquez si unisce alla lotta superando l’australiano che risponde con un contro sorpasso ma lo spagnolo non ci sta e mette con determinazione un piede sul podio prendnedosi il terzo posto provvisorio.

Quartararo porta avanti una gara a sé che lo vede condurre il gruppo in solitaria mentre Viñales si prepara a ricevere l’attacco di Marquez che, per quel che ha dimostrato non si vuole accontentare del terzo posto. Ma la rimonta impressionante di Marc finisce con un highside alla curva 3 quando la gomma della sua Honda finisce sul cordolo e Marc rotola sulla ghiaia e viene subito accompagnato al centro medico.

GRATIS: Il primo highside della stagione lo firma Marquez

Morbidelli entra in lotta per il podio dopo aver superato Pol e si trova alle spalle di Miller e di Dovi quando prova un attacco sull’australiano, rischia di cadere ma riesce a restare in sella accontentandosi del quinto posto.

Abbiamo dovuto aspettare più del previsto il ritorno del MotoGP™ ma i protagonisti della massima categoria hanno superato ogni aspettativa. L’appuntamento con la massima categoria è tra sette giorni sempre al Circuito de Jerez – Angel Nieto.

Resta aggiornato sulle condizioni di Marc Marquez e scopri che cos’è successo a Valentino Rossi con tutti gli aggiornamenti che pubblicheremo su motogp.com.

I primi 10 classificati:
1. Fabio Quartararo - (Petronas Yamaha SRT) 
2. Maverick Viñales - (Monster Energy Yamaha MotoGP) - +4.603
3. Andrea Dovizioso - (Ducati Team) - +5.946
4. Jack Miller - (Pramac Racing) - +6.668
5. Franco Morbidelli - (Petronas Yamaha SRT) - +6.844
6. Pol Espargaro - (Red Bull KTM Factory Racing) - +6.938
7. Francesco Bagnaia - (Pramac Racing) - +13.027
8. Miguel Oliveira - (Red Bull KTM Tech3) - +13.441
9. Danilo Petrucci - (Ducati Team) - +19.651
10. Takaaki Nakagami - (LCR Honda Idemitsu) - +21.553

Clicca qui per vedere i risultati completi.

Segui tutte le sessioni, guarda le interviste esclusive, le gare storiche e tanti altri fantastici contenuti: tutto col VideoPass!