Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
1 giorno fa
By motogp.com

Le prime parole di Dovizioso dopo il test con l’Aprilia

Il romagnolo annuncia un’altra uscita con la RS-GP, l’11 e il 12 maggio al Mugello. Ma com’è andato il primo approccio a Jerez?

Andrea Dovizioso parla per la prima volta con i media al termine dei tre giorni trascorsi in sella alla RS-GP 2021 al Circuito de Jerez-Angel Nieto. Dovi ha analizzato le sensazioni avute con l’Aprilia, ha parlato dell’eventuale ritorno in MotoGP™ e di quelli che sono i suoi attuali programmi con la casa di Noale.

Dovizioso: “Un podio non è facile ma c’è una buona base”

Il tre volte vicecampione della MotoGP™ ha sottolineato lo stupore provato alla guida di una moto diversa dopo otto anni con lo stesso prototipo definendo l’esperienza “Emozionante”. Ha poi sottolineato di aver avuto un buon feeling con la RS-GP. Ma, ancora più interessante, ha annunciato lo svolgimento di un altro test ma questa volta sarà al Mugello l’11 e il 12 maggio.

Il romagnolo non si è sbilanciato troppo sul futuro ma è stato categorico sul fatto di voler tornare in MotoGP™: “La prossima volta faremo un altro test per poter lavorare su altri dettagli – per poi sottolineare che - In questo momento, tutto ciò che abbiamo sul tavolo è questo prossimo test al Mugello. La MotoGP è ancora la mia passione e vorrei correre l’anno prossimo. Penso che sia stato positivo scendere in pista e sono davvero felice perché Aprilia mi ha dato la possibilità di farlo nel modo giusto”.

L’ergonomia è stato l’argomento protagonista di questi giorni in Andalusia. Dovizioso si è concentrato sull’adattamento della moto al suo fisico e vieceversa per sentirsi di nuovo a suo agio su una MotoGP™: “Ho sentito immediatamente la differenza rispetto alle moto che ho guidato in passato ma capire i dettagli è difficile. Devi spingere molto forte e devi essere a tuo agio sulla moto per capirli tutti”.

“Essere lì e lottare per un tempo importante o una posizione è un’altra storia. Per farlo hai bisogno della giusta posizione sulla moto. Ci vuole tempo per spingere la moto al limite e sentirsi completamente a proprio agio. Penso che sia troppo presto per entrare nei particolari. Come ogni moto, ha lati positivi e negativi, il che è normale, ma ho avuto davvero un buon feeling”.

Il forlivese non si è voluto pronunciare sui tempi che ha registrato con l’Aprilia ammettendo solo che “non erano male”. Nella speranza che la casa di Noale apporti le modifiche richieste da Dovi in vista del prossimo test al Mugello, non ci resta che aspettare per scoprire come avverà l’evoluzione di questo nuovo binomio.

Nel momento in cui Dovi si sentirà completamente a suo agio sulla moto potrà sfiorare i limiti: “Finché non ho questa situazione, penso che sia sciocco cercare di spingere. Ci sono sicuramente alcune cose davvero belle e altre che devono essere migliorate, ma ogni moto è così”. Quindi, non ci resta che aspettare per scoprire come evolverà questo (possibile) nuovo binomio.

Segui tutte le sessioni, guarda le interviste esclusive, le gare storiche e tanti altri fantastici contenuti: tutto col VideoPass!

Consigliati