Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
24 giorni fa
By motogp.com

Yamaha conferma Crutchlow come collaudatore nel 2022

Lin Jarvis annuncia i piani della casa di Iwata per la prossima stagione. Manca l’ufficialità ma l’accordo è fatto

Presente alla conferenza stampa dedicata ai team manager durante il venerdì del Gran Premio Motul de la Comunitat Valenciana, Lin Jarvis, Yamaha Motor Racing Managing Director, ha confermato che Cal Crutchlow continuerà ad essere collaudatore della casa giapponese anche nel 2022.

Il pilota britannico si è ritirato dalle competizioni a tempo pieno in MotoGP™ alla fine della stagione 2020, ma da allora, è tornato in azione disputando quattro GP con Yamaha nel corso del 2021. Prima col Petronas Yamaha SRT come sostituto di Franco Morbidelli ai GP della Stiria e dell'Austria, e poi al posto di Maverick Viñales nelle file del Monster Energy Yamaha MotoGP in occasione del suo GP di casa a Silverstone e poi di nuovo ad Aragon.

Crutchlow era già tornato su una Yamaha in occasione dei test pre-stagionali del 2021 in Qatar anche se il vincitore di tre Gran Premi in classe regina ha preso parte a diversi test privati durante la stagione come, tra i più recenti ci sono quello ad Aragon e a Jerez, dove ha girato con una YZR-M1 2022-spec.

Durante la già citata conferenza stampa a Valencia, Jarvis ha affermato che, anche se non è ufficialmente confermato, c’è già un accordo tra Yamaha e Crutchlow perché il britannico continui a ricoprire il ruolo di collaudatore anche nel 2022.

"Sì, faremo più test il prossimo anno, quindi questo è un chiaro impegno da parte della casa madre e continueremo a gestire un'operazione ibrida in cui useremo molto del personale giapponese insieme a quello europeo. Avremo più persone del team europeo ma continueremo ad avere questa combinazione in ogni sede" ha detto Jarvis.

"Continueremo sicuramente con Cal. Non abbiamo firmato ma abbiamo concordato i termini e Cal rimarrà con noi in futuro. Questo è già deciso".

Consigliati

motogp.com
Il Mugello è di Oliveira

4 anni fa

Il Mugello è di Oliveira