Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
17 giorni fa
By motogp.com

Yamaha, modalità bestia attivata

Rossi e Viñales pronti a graffiare in sella alla nuova YZR – M1, Monster Energy dà la carica

Jakarta accoglie la presentazione del team Yamaha Factory Racing. Un nuovo sponsor, Monster Energy che dà il nome alla scuderia (Monster Energy Yamaha MotoGP) e infonde grande determinazione per vincere. La formazione, confermata e impossibile da migliorare, è composta da Valentino Rossi e Maverick Viñales che, nell’evento indonesiano, sono saliti in sella per la prima volta alla nuova YZR – M1.

Il prototipo presenta una livrea tutta nuova rispetto alla moto del 2018 ma quello che ci si aspetta è che sotto ‘la pelle’ la moto torni ad essere il riferimento della classe regina. Equilibrio di prestazioni e maneggevolezza hanno reso la M1, tornata l’anno scorso sul gradino più alto del podio con Viñales dopo una lunga astinenza, una delle creazioni più vincenti nella storia del campionato del mondo. Anche i cambi di organizzazione nel reparto corse di Iwata puntano ad un solo obiettivo: tornare ad essere i migliori della classe regina.

“La scorsa stagione è stata impegnativa ma siamo stati in grado di tornare a vincere”, esordisce Lin Jarvis direttore Yamaha Racing. “In Giappone hanno lavorato su alcune modifiche importanti che ci hanno fatto migliorare le prestazioni. Mai mollare è stato il nostro imperativo. Quanto abbiamo vissuto possa essere di grande aiuto in futuro”. Il manager britannico prosegue: “Sono stati cambiati alcuni livelli dell’organizzazione Yamaha in Giappone, promuovendo più iterazione tra la Casa e la sede in Europa (è in Italia, ndr). Inoltre, la creazione di una formazione dedicata appositamente allo studio dell’elettronica e la nascita del test team europeo, con Jonas Folger, ci ha già portato notevole benefici”.

Jarvis ha parlato anche dei cambi nei box come ad esempio l’arrivo di Esteban Garcia a lato di Maverick Viñales in qualità di responsabile del team. Mentre per Valentino si è registrata l’uscita di scena di Luca Cadalora, suo coach di pista, e l’approdo in squadra di Idalio Gavira, allenatore dei giovani della VR46 Academy.

Support for this video player will be discontinued soon.

Tutto nuovo per tornare ad essere campioni, Jarvis commenta

Assente alla presentazione Massimo Meregalli, il team manager Monster Energy Yamaha MotoGP è rimasto in Malesia per pianificare i test che partiranno mercoledì 6 febbraio. Prove fondamentali per iniziare una stagione che tutti voglio sia grande. Ruolo da protagonista invece per Mitch Covington, vice presidente Monster Energy Sports Marketing, all'evento per salutare la collaborazione con la scuderia ufficiale di Iwata.

Support for this video player will be discontinued soon.

Il meglio della presentazione Monster Energy Yamaha MotoGP

Kouichi Tsuji, capo della Yamaha Motor Racing, prosegue: “Nelle ultime gare, dopo la Thailandia, abbiamo fatto dei cambiamenti vincenti sulla moto che ci hanno permesso di lottare per il successo. Un salto in avanti che vogliamo mantenere in questa stagione”. Il dirigente parla della nuova M1. “L’anno scorso abbiamo lavorato sull’elettronica e sul telaio. La chiave è stata rafforzare il centro di sviluppo Italia ed avere un doppio team di collaudatori. Folger ci darà un grande contributo già a partire dai prossimi giorni”.

Un cambio di sponsor e un legame forte votato alla vittoria quello tra Monster Energy e i tre diapason, ma che già da tempo stava calcando la scena del MotoGP™ con il team satellite Tech 3.

“È importante avere un grande sponsor”, commenta Jarvis. “E non c’è dubbio che Monster sia un grande alleato nella nostra missione. Abbiamo dato nuova energia al progetto, anche le moto hanno una colorazione più aggressiva. Tutto questo per tornare ad essere campioni del mondo”.

I colori della nuova YZR – M1, infatti, sono completamente nuovi. Al blu elettrico si aggiunge il nero che avvolge la moto fino al codone mentre il logo Monster campeggia aggressivo sulla carena laterale e sul cupolino. Cambio cromatico anche nelle divise dei piloti ora nere e blu ad inserti fluo.  

“Mi sento molto bene, è un grande onore essere qui”. Sono le parole di Viñales. “Siamo già carichi per dare il massimo e non vedo l’ora di essere in moto. Con Valentino al mio fianco sono motivato al massimo. Da lui imparo molto, studio i suoi dati e capisco dove è più forte di me”. Prosegue parlando del passato. “Anno dopo anno sono migliorato come pilota ma la mia crescita deve ancora continuare”. Lo spagnolo oggi ha il numero 12 preferito al 25, un cambio che denota la voglia di voltare pagina dopo le difficoltà delle stagioni passate e il ritorno al successo a Phillip Island. “Sono pronto tornare davanti a tutti. Credo che tutti questi novità mi possano beneficiale: con Esteban (Garcia, ndr) come capotecnico posso solo fare bene. Potrò dare quella cosa in più che mi è mancata l’anno scorso”.

“In questo momento della stagione si è molto carichi e pronti”, afferma il Dottore. Siamo una bella formazione io e Maverick: lui è molto forte, lottiamo in pista ma fuori abbiamo una bella relazione. Insieme vogliamo far tornare Yamaha vittoriosa. Lo seguo sempre da vicino, è coraggioso e molto preciso come stile di guida. Anche io imparo molto da lui”. Dieci anni fa, Rossi fece suo il titolo in sella alla M1; è lo stesso a ricordare: “Quella è stata una grande stagione, avevo lottato con il mio compagno di squadra per tutto il campionato. Che cosa è cambiato da allora? Tanto e niente. Attorno a noi tutto è diverso, il MotoGP™ è diverso ma nel nostro team è rimasto tutto uguale, e questo è importante per ottenere i risultati migliori”. Continua. “Nell’ultimo periodo i nostri avversari sono cresciuti molto, la chiave del motociclismo attuale sono le gomme va veloce e vince chi le conserva fino alla fine”.

Rossi e Viñales commentano il cambio di sponsor. “La mia relazione con Monster è di lunga data. I colori aggressivi mi piacciono tanto. Sono orgoglioso di portare in gara questo marchio”, dice il nove volte campione. Viñales: “Tutti i migliori hanno Monster sulle loro moto e divise, anche nelle altre specialità motoristiche. Sono felice di essere ambasciatore di questo marchio, mi carica molto”.

Segui i test di Sepang (6 – 8 febbraio) e scopri quanto è competitiva la nuova M1. Rossi e Viñales sono proti a dettare legge. Abbonati al VideoPass e avrai accesso a contenuti esclusivi, analisi approfondite e tutto quello che c’è da sapere sulla tua passione!