Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
7 giorni fa
By motogp.com

Suzuki, dove i rookie diventano vincenti

Al suo terzo anno in MotoGP™, Rins ha vinto due gare e aspira al podio iridato. Mir è in costante crescita alla sua stagione d'esordio

La filosofia di Davide Brivio, team manager del Team Suzuki Ecstar, è quella di investire su piloti giovani e farli crescere in MotoGP™ puntando alla vetta della classifica iridata.

Alex Rins (Team Suzuki Ecstar) ne è la dimostrazione. Lo spagnolo ha centrato l’obiettivo postosi per il 2019 salendo sul gradino più alto del podio ad Austin e replicando la vittoria a Silverstone.

Support for this video player will be discontinued soon.

MotoGP™ Rewind: tutte le emozioni d'Austin

Quest'anno al fianco del catalano c’è l'esordiente Joan Mir (Team Suzuki Ecstar): 22 anni e alla sua quarta stagione nel campionato del mondo. Dopo aver affrontato i primi quindici appuntamenti del 2019, la formazione ha segnato un bottino di 229 punti registrando una crescita costante da Losail a Buriram, dove ha archiviato uno dei migliori risultati dell'anno.

Oltre al piazzamento finale dell'ultimo GP, ciò che rende il costruttore di Hamamatsu sempre più competitivo sono la grinta e la tecnica con cui i suoi piloti si battono. Durante l’ultima corsa, Rins e Mir hanno marcato da vicino Valentino Rossi (Monster Energy Yamaha MotoGP) che, alle prese con un problema allo pneumatico posteriore, è arrivato ottavo alle spalle dei due alfieri Suzuki.

Analizziamo i risultati e la progressione fatta fino a questo momento dal numero 42 e 36.

Rins sta affrontando la sua terza stagione in sella alla GSX - RR e ha vinto la prima gara in MotoGP™ quest’anno, ad Austin dopo essere partito dalla settima casella della griglia di partenza. Col sorpasso fatto al nove volte campione del mondo Rossi all’ultima curva, ha ufficializzato il suo ingresso tra i top rider.

Support for this video player will be discontinued soon.

Rins e Suzuki, il sogno è realtà

In quello stesso appuntamento, Mir, al suo terzo GP in classe regina, è arrivato quattordicesimo retrocedendo di tre posizioni al traguardo rispetto a quella di partenza. Quando poi Rins è tornato a vincere la sua seconda gara, a Silverstone, il compagno di box era infortunato e non partecipò l’appuntamento.

Nel 2019, Rins ha sempre ottenuto in gara un risultato migliore rispetto al piazzamento della qualifica. Il recupero minore che ha fatto fino ad ora è di due posizioni: a Brno, dov’è partito sesto e ha chiuso ai piedi del podio e in Argentina che dalla quindicesima casella al via ha recuparato fino al sesto posto, guadagnando undici posizioni.

Support for this video player will be discontinued soon.

Rins e le novità aerodinamiche

Mir è stato penalizzato dall’infortunio che non gli ha permesso di disputare i Gran Premi in Austria e in Inghilterra ma, negli altri appuntamenti, in sole tre occasioni ha ceduto posizioni in gara rispetto a quella del via. Da sottolineare, la sua miglior rimonta: nel GP d'Italia, Mir è partito come ventesimo ed è arrivato undicesimo.

Il miglior risultato di squadra, invece, è arrivato in Catalogna. A Montmeló, Rins si è classificato ottavo terminando la corsa al quarto posto mentre Mir, undicesimo in qualifica, ha firmato il miglior arrivo chiudendo la gara come sesto.

Support for this video player will be discontinued soon.

Rins: “Siamo pronti a lottare per il campionato”

Nelle ultime due gare, ad Aragon e a Buriram, Mir si è qualificato davanti al compagno di squadra, prestazioni che mettono l'accento sulla sua grande crescita nell'anno d'esordio e lo proiettano potenzialmente tra i migliori della prossima stagione.

Il prossimo appuntamento sarà in Giapponese, una pista dove il maiorchino ha ottenuto il nono posto nel 2016 e Rins è salito sul podio nel 2018.  Il numero 42, in terza posizione in classifica generale, è più motivato che mai ad aumentare il suo vantaggio visto che non è il solo a volere una medaglia iridata a fine stagione.

Dopo quindici appuntamenti, Suzuki è quarta con 192 punti in classifica costruttori inseguendo Yamaha a meno 56 lunghezze. Il duello tra le scuderie sarà uno dei punti di interesse dei rimenenti GP da qui a Valencia.

Prossimo appuntamento il Motul Grand Prix of Japan, al via dal 18 al 20 ottobre. Vivilo LIVE e OnDemand con il VideoPass!

Consigliati