Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
22 giorni fa
By motogp.com

KTM conferma l’offerta del Repsol Honda a Pol Espargaro

Mike Leitner afferma che l’ex campione del mondo in Moto2™ potrebbe diventare il compagno di squadra di Marc Marquez la prossima stagione

In seguito a settimane di indiscrezioni senza nessuna conferma ufficiale, è il team manager del Red Bull KTM Factory Racing, Mike Leitner, a far luce sullo stato attuale delle trattative affermando il Repsol Honda ha fatto un’offerta a Pol Espargaro per diventare compagno di squadra di Marc Marquez già dal 2021. Il manager austriaco racconta in esclusiva a motogp.com alcune indiscrezioni come l’attuale momento di riflessione del pilota di Granolles che si trova ad un bivio: restare con KTM o passare all’HRC.

“Posso solo confermare che questi colloqui sono in corso – spiega Leitner quando gli chiediamo di commentare se è possibile assistere al passaggio di Pol al Repsol Honda - Naturalmente, cercheremo di tenere Pol con noi ma sappiamo bene che c’è un’altra opzione per lui. Non ci sono aggiornamenti al momento e, a parte questo, quando tutto sarà deciso faremo un commento in merito. Questo succederà sicuramente nelle prossime settimane. Abbiamo bisogno di tempo per pianificare il futuro, quindi dobbiamo prendere una decisione al più presto”.

“Al momento dobbiamo aspettare e vedere quale sarà la decisione finale di Pol ma nel frattempo dobbiamo anche pensare al nostro futuro. Quindi, ci sono alcuni scenari sul tavolo anche per noi; possiamo solo fare un passo alla volta e cominceremo a sapere quali decisioni prendere quando le cose saranno decise”.

Se Espargaro dovesse lasciare KTM, significherebbe che il costruttore austriaco si troverebbe nella massima categoria con due esordienti come Brad Binder (Red Bull KTM Factory Racing) e Iker Lecuona (Red Bull KTM Tech 3) e un pilota con una stagione alle spalle, ossia Miguel Oliveira (Red Bull KTM Tech 3). Stiamo parlando di tre piloti giovani e talentuosi ma l’esperienza di Espargaro in MotoGPè senza dubbio un pilastro per il costruttore austriaco.

“Soprattutto all’inizio, quando siamo approdati in MotoGP nel 2017 era molto importante avere un po’ di esperienza all’interno della squadra. Ora, la moto ha già un buon livello come possiamo vedere con Brad Binder che, per esempio, in Qatar è riuscito a stare tra i primi 10 e al test invernale di Sepang avevamo tre piloti dei nostri piloti nella top 10. Quindi, è molto importante avere un pilota esperto ma quando la moto è competitiva è sempre meno indispensabile anche se aiuta sempre”.

Il manager austriaco dice di non aver considerato nessun altro potenziale sostituto per l’ex campione del mondo in Moto2™. Gli attuali piloti del Ducati Team, Andrea Dovizioso e Danilo Petrucci non hanno ancora firmato nessun contratto e Leitner è fiducioso e pensa che, in ogni caso, qualsiasi pilota possa adattarsi facilmente alla RC16: “Tutti i piloti impegnati in MotoGP™ hanno grande talento. Su Andrea (Dovizioso) non devo dire nulla, da tre anni è vice campione del mondo. Petrucci ha vinto un Gran Premio. Tutti questi top rider hanno un grande talento e si adatterebbero alla moto, questo è chiaro”.

Nel frattempo, non è da sottovalutare uno dei piloti più interessanti della Moto2™ legato al momento alla KTM: Jorge Martin. Il manager dello spagnolo ha detto di essere molto vicino ad un accordo con Ducati e in alcuni ambienti si dice che abbia già firmato un accordo ma Leitner insiste sul fatto che il campione del mondo della Moto3™ nel 2018 forma ancora parte dei piani della casa austriaca per il futuro.

“Naturalmente Jorge è uno dei prossimi piloti di grande talento ad entrare nella griglia di partenza della massima categoria. Abbiamo già iniziato un percorso con lui e vorremmo che restasse con noi. Dipende dalla situazione attuale ma, in ogni caso, dobbiamo partire dal vertice. Quindi, vediamo quello che succede con Pol e poi pensiamo alle mosse successive”.

Interviste esclusive, gare storiche e tanti altri contenuti fantastici: tutto questo col VideoPass!