Acquisto Biglietti
acquisto VideoPass
News
13 giorni fa
By motogp.com

Guardia alta. I favoriti per il titolo aumentano

Dovizioso è in testa alla classifica ma dovrà fare attenzione perché, sulla pista catalana, i favoriti sono i suoi principali rivali

Dopo due Gran Premi al Misano World Circuit Marco Simoncelli è ora di fare le valige e spostarsi in Spagna dove si celebrerà il Gran Premi Monster Energy de Catalunya. La sede dell’evento è il Circuit de Barcelona-Catalunya una pista dove Andrea Dovizioso (Ducati Team) non vanta numerosi successi, ma la motivazione potrebbe spingerlo oltre ogni precedente. 

Il forlivese si presenta da leader della classifica generale ma non può di certo permettersi errori visto che i primi quattro piloti in campionato sono racchiusi in quattro punti. La situazione per romagnolo non è facile perché, come ha ribadito a margine del GP dell’Emilia-Romagna, non sta guidando la GP20 come vorrebbe. La pista catalana ha un layout e un grip molto diversi da quella di Misano, quindi sarà interessante vedere come Dovi e la sua squadra lavoreranno per difendere il primo posto in classifica. 

Il secondo  in campionato c’è ancora lui, Fabio Quartararo (Petronas Yamaha SRT), ad un solo punto dal pilota del Ducati Team. Anche il francese ha avuto una battuta d’arresto dopo le due vittorie ad inizio stagione e la situazione non sarà facile nemmeno per lui. El Diablo ha mancato il podio all’ultima gara per non aver svolto un long lap penalty all’ultimo giro. Lui sostiene di non aver visto il messaggio, ciò che è certo è che, anziché terzo è arrivato quarto. Ora il pilota di Nizza ha la possibilità di riscattarsi sulla pista dove ha conquistato la sua prima vittoria nel mondiale, trionfando in Moto2™ nel 2018, e dove ha ottenuto il primo podio in classe regina l’anno successivo. Due fattori chiave per prendere di nuovo lo slancio in questo campionato che non smette mai di sorprenderci. 

Reduce dalla sua prima vittoria della stagione, Maverick Viñales (Monster Energy Yamaha MotoGP) ha raggiunto il suo futuro compagno di box in classifica trovandosi entrambi a 83 punti da Dovi. Quello della Catalogna è il GP di casa per il Top Gun che, in passato, non è stato molto fortunato in questa tappa. La motivazione dell’ultima vittoria potrebbe invertire questa tendenza? Lo scopriremo presto. 

Chi invece vuole consolidare l’attuale andamento è Joan Mir (Suzuki Ecstar Team) che, col podio del GP dell’Emilia-Romagna, ha fatto un passo significativo verso la vetta della classifica generale, portandosi a tre punti da Andrea Dovizioso. Negli ultimi appuntamenti, il maiorchino ha dimostrato di essere competitivo su piste molto diverse come quella dell’Austria, dove ha centrato il primo podio in MotoGP™, e i due a Misano. Nel 2019, il suo anno da rookie nella massima categoria, arrivò sesto al traguardo uno dei suoi migliori piazzamenti della stagione. Ma adesso che ha tre podi all’attivo, ci si aspetta molto di più dal giovane spagnolo. 

Dopo aver vinto il primo GP, Franco Morbidelli (Petronas Yamaha SRT) ha accusato forti dolori di stomaco che non gli hanno permesso di svolgere il test a Misano e anche durante l’ultimo GP ha risentito le conseguenze di questo malessere. Non ha avuto molto tempo per recuperare, ma a Barcellona ci si aspetta molto da lui. È un pilota che si prende il suo tempo per imparare e quando catalizza poi diventa imbattibile. Ha già vinto una gara, adesso è ora di fare il bis. 

Tra i piloti che non hanno ancora messo piede sul gradino più alto del podio troviamo Jack Miller (Pramac Racing), impaziente come non mai di tagliare per primo il traguardo. Il secondo GP a Misano è stato compromesso dalla pellicola a strappo del casco di Quartararo che, entrando nella presa d’aria della GP20 dell’australiano, ha fatto perdere potenza alla moto. Un ritiro anomalo da dimenticare il prima possibile con un risultato d’eccellenza in Catalogna. 

La Honda ha puntato tutto su due alfieri e non hanno di certo deluso le aspettative. Takaaki Nakagami (LCR Honda Idemitsu) e Alex Marquez (Repsol Honda Team) hanno difeso il nome di HRC piazzandosi in sesta e settima posizione a Misano. Per il rookie, autore del proprio miglior piazzamento fino ad ora, si avvicina la tappa casalinga e la voglia di fare ancora meglio è irrefrenabile. 

A consolidare la propria crescita in questo 2020 troviamo anche Miguel Oliveira (Red Bull KTM Tech3), vincitore in Austria e sempre più consistente tanto in qualifica come in gara. Ora il portoghese si trova a 25 punti dalla vetta, magari sognare il titolo è un po’ esagerato ma puntare alla top 3 a fine stagione non lo è affatto. 

Resta ancora in attesa dell’ufficialità il futuro di Valentino Rossi (Monster Energy Yamaha MotoGP) ma il gran giorno sembra avvicinarsi. Il Dottore vorrà riscattare la caduta fatta al GP dell’Emilia-Romagna con un podio in terra spagnola. 

Giocherà in casa Pol Espargaro (Red Bull KTM Factory Racing) che invece sul podio di Misano c’è salito all’ultimo appuntamento. Anche il fratello Aleix Espargaro (Aprilia Racing Team Gresini), Alex Rins (Suzuki Ecstar Team) e Tito Rabat (Esponsorama Racing) daranno il massimo per ottenere il proprio miglior risultato della stagione sulla pista di casa. 

La stagione di Francesco Bagnaia (Pramac Racing) fino a questo punto è stata un alternarsi di alti e bassi. Il piemontese è veloce, ha stabilito il nuovo record della pista di Misano, è stato impressionante durante tutto il fine settimana. In gara era in testa e ad un soffio dal vincere il primo GP nella massima categoria ma una caduta ha messo fine ad un fine settimana quasi perfetto. Pecco sta guidando la GP20 come vuole, è padrone della moto ma deve dimostrarlo anche in gara e Barcellona è l’occasione giusta per farlo. D’altronde in questi giorni potremmo scoprire chi sarà il pilota promosso al Ducati Team per il 2021

Anche questo fine settimana ha tutti gli ingredienti per offrirci uno spettacolo senza paragoni. Assicuratevi di non perdere nemmeno un istante del Gran Premi Monster Energy de Catalunya, domenica gli orari saranno posticipati di un’ora rispetto al solito.

Segui tutte le sessioniguarda le interviste esclusive, le gare storiche e tanti altri fantastici contenutitutto col VideoPass!